Covid. Anche a Barzio tre nuovi contagi: “Non abbassiamo la guardia”

Tempo di lettura: 3 minuti
Giovanni Arrigoni Battaia sindaco di Barzio

BALZIO – Anche Barzio, dopo un periodo di calma, deve fare i conti con i nuovi contagi, tre negli ultimi giorni. Il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia scrive ai suoi cittadini.

“Cari concittadini,
come tutti sappiamo ci ritroviamo, purtroppo, ad affrontare una nuova fase
dell’emergenza sanitaria.
In questo momento difficile e per molti versi scoraggiante, non bisogna abbassare la
guardia: solo prestando attenzione a noi stessi e rispettando le disposizioni di
sicurezza potremo arginare la diffusione del virus, per il bene di ognuno di noi, delle
nostre famiglie e dell’intera comunità.
A oggi nel Comune di Barzio si contano tre nuovi casi di contagio da Covid-19.
Tutti dobbiamo fare la nostra parte per tutelare la salute pubblica. Vi sprono a
rispettare scrupolosamente le disposizioni del Governo e quelle regionali.
A tal proposito, rammento alla popolazione le principali indicazioni che resteranno in
vigore fino al prossimo 13 novembre. Ricordando che in caso di inottemperanza di
tali disposizioni sono previste sanzioni di 280,00€, che raddoppiano a 560,00 in caso di recidiva per i cittadini, mentre per gli esercizi commerciali può
anche essere disposta la chiusura dell’attività fino a cinque giorni. Sono consapevole delle difficoltà che ognuno di noi deve affrontare per rispettare queste indicazioni, ma solo seguendo con attenzione ogni disposizione di sicurezza possiamo sperare di superare questa gravissima emergenza mondiale”.

Le principali norme

Alle ormai ben note disposizioni legate all’ OBBLIGO DI INDOSSARE LA
MASCHERINA AL DI FUORI DELLA PROPRIA ABITAZIONE (e anche all’interno in
presenza di persone non conviventi) e all’ OBBLIGO DI RESTARE A CASA PER CHI
HA FEBBRE SOPRA I 37.5°, si aggiungono altre importanti indicazioni:

BAR, RISTORANTI ED ESERCIZI PUBBLICI

Attività consentita dalle ore 5 alle ore 23 con consumo al tavolo e con un massimo per
tavolo di 6 persone (compresi conviventi e congiunti). Dalle 18 è consentita solo
l’attività con servizio al tavolo. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a
domicilio, mentre la ristorazione d’asporto, con divieto di consumazione sul posto, è
consentita fino alle ore 23.

DALLE ORE 18 ALLE ORE 5

• Vietata la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le
tipologie di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. E’ permessa solo
la consegna a domicilio.
• Chiusi i distributori automatici “h24” che distribuiscono bevande e alimenti
confezionati, con affaccio sulla pubblica via (ad eccezione dei distributori
automatici di latte e acqua).
• Vietata la consumazione di bevande e alimenti su aree aperte al pubblico.
• Sospeso il gioco operato con dispositivi elettronici del tipo “slot machines”
OBBLIGO ESPOSIZIONE CARTELLO INDICANTE LA CAPIENZA MASSIMA
È fatto obbligo, sia per gli esercizi commerciali al dettaglio che per gli esercizi di
somministrazione di alimenti e bevande, di esporre all’ingresso del locale un cartello
recante il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale
medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.

CHIUSURA CENTRI COMMERCIALI NEL WEEK END

Sabato e domenica restano chiuse le grandi strutture di vendita e gli esercizi
commerciali al dettaglio presenti all’interno dei centri commerciali, ad eccezione di
quelli preposti alla vendita di generi alimentari, alimenti e prodotti per animali
domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, per l’igiene della casa, piante e
fiori. Esclusi dalla chiusura anche farmacie, parafarmacie, tabaccherie e rivendite di
monopoli.

SPORT

Sono sospese tutte le gare e le competizioni riconosciute di interesse regionale,
provinciale o locale dalle federazioni e dagli enti di promozione sportiva, in relazione
agli sport di contatto.
Sono consentiti gli allenamenti in forma individuale per tutte le società ed associazioni
dilettantistiche degli sport di contatto, a condizione che venga osservato il rispetto
continuativo delle distanze interpersonali di almeno due metri.

SCUOLA

Didattica digitale integrata (DDI) delle lezioni per scuole secondarie di secondo grado.
Le attività di laboratorio continuano a essere svolte in presenza, mentre le attività di
tirocinio esterno concorrono alla didattica a distanza. Raccomandata la
differenziazione degli ingressi a scuola da parte dei dirigenti scolastici in raccordo con
le agenzie TPL.

CELEBRAZIONI RELIGIOSE

Evitare assembramenti nei luoghi di culto, mantenendo la distanza interpersonale di
almeno un metro.

COPRIFUOCO

Su tutto il territorio della Regione Lombardia, dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno
successivo sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze
lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni
caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza.
E’ necessaria l’autodichiarazione che può essere scaricata dal sito di regione
Lombardia al seguente link:
https://www.regione.lombardia.it/wps/wcm/connect/48fc24ca-c59a-4382-bdf0-
686b71dad1c8/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf?MOD=AJPERES
&CACHEID=ROOTWORKSPACE-48fc24ca-c59a-4382-bdf0-686b71dad1c8-nlfGcVt