Scherma. Marco La Barbera bravo e sfortunato

Tempo di lettura: 1 minuto
Marco La Barbera e il Maestro Mirko Buenza

Ottimo girone di qualificazione, sfortunato nel tabellone

Fuori al terzo turno contro il finalista del torneo

ROMA – Marco La Barbera torna in pedana e lo fa alla grandissima. Il talento diciassettenne del Circolo della Scherma Lecco ha dato battaglia alla seconda prova nazionale Giovani di sciabola, valida per la qualificazione al campionato italiano.

La Barbera si presenta a Roma forte accreditato del 64° posto nel ranking, un po’ più avanti dell’altro lecchese Fabio Scaccabarozzi (78°), attualmente in squadra col Giardino Milano.

Il girone di qualificazione di La Barbera è ottimo: vince quattro assalti e perde solamente contro il napoletano Coltorti e il patavino Cederle, entrambe le volte col punteggio di 1-5. Scaccabarozzi fa il percorso inverso (2-4) e non supera la fase a gironi.

Marco entra nel tabellone a eliminazione diretta come 34°, passa il primo turno senza tirare e al secondo fatica a vincere contro il romano Andrea Marini (15-14). Entrato nei migliori trentadue, si ritrova ad affrontare Matteo Cederle. Al termine di una furiosa battaglia, La Barbera perde all’ultima stoccata, mentre il suo avversario si lancia in un percorso quasi netto che lo porta fino al secondo posto assoluto. La vittoria è andata al romano Lorenzo Roma.

La classifica finale vede Marco La Barbera chiudere 30° e Fabio Scaccabarozzi 78°.

Domani scenderà in pedana lo spadista Mattia Magni.