Argento e bronzo conquistati da Sofia Brunati.

Brava Eleonora Currò, bronzo nella sciabola.

ROMA – Il Circolo della Scherma di Lecco torna a casa dalla capitale con tre medaglie conquistate ai Campionati Integrati di Roma, il torneo nazionale di scherma che vede competere atleti olimpici e atleti paralimpici su un’unica pedana.
Le regole con cui tirano gli atleti sono quelle paralimpiche, infatti anche gli schermidori normodotati sono obbligati a gareggiare su una sedia.

Il circolo bluceleste si è presentato a Roma con quattro atleti, equamente suddivisi: le paralimpiche Sofia Brunati e Matilde Spreafico e gli olimpici Eleonora Currò e Matteo Torri, unico maschio della spedizione.

Il risultato migliore lo ha ottenuto Sofia Brunati. Nella gara di spada l’atleta lecchese è arrivata sino alla finalissima, perdendo poi contro l’atleta di Posillipo Livia Ficarra.


Dopo l’argento preso nel torneo di spada, la Brunati ha ottenuto un altro podio in quello di sciabola, perdendo col punteggio di 7-15 contro la Trigilia, futura vincitrice della competizione. Bronzo anche per Eleonora Currò, a cui non basta un’incredibile rimonta per battere Flaminia Prearo, venendo sconfitta all’ultima stoccata.

Per quanto riguarda Matilde Spreafico e Matteo Torri, buone prestazioni ma nessuna medaglia.