Pallamano. Molteno in terra sarda, è sfida contro Sassari

Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi pomeriggio la sfida in terra sarda

La squadra ha dovuto gestire un caso di positività di un giocatore

MOLTENO – Sicuramente sono stati giorni concitati per squadra e società dell’H.C. San Giorgio Molteno Salumificio F.lli Riva, dopo la notizia della positività al Covid 19, di uno dei suoi giocatori, accertata due ore dall’inizio del recupero della partita di mercoledì scorso contro Pressano e prontamente rinviata.
Fortunatamente tutti i tamponi effettuati alla squadra ed allo staff hanno dato esiti negativi.

“La società si è attivata con grande tempismo, rispettando tutti i protocolli, ovviamente per garantire sempre la massima sicurezza – fa sapere il presidente del sodalizio moltenese Livio Redaelli, illustrando come si è mosso il club per gestire l’emergenza -. Nella giornata di giovedì abbiamo fatto tutti i tamponi, ossia le trenta persone che rientrano nella rosa della squadra, dai giocatori ai dirigenti, rilasciata alla federazione. Anche il sottoscritto si è sottoposto al tampone considerato che ricopro la figura di responsabile Covid. Tutti negativi e quindi pronti a giocare, come da indicazioni della Federazione, il match contro Sassari”.

La partita si giocherà sabato pomeriggio 17 ottobre alle 18.30 in terra di Sardegna:
“Nella giornata di sabato ci imbarcheremo con destinazione Sassari, dove i ragazzi giocheranno in serata. Sono stati giorni molto particolari, sia a livello psicologico che mentale, ma il fatto che i test effettuati a tutta la squadra ed allo staff siano risultati tutti negativi, ci ha rassicurati. Il tecnico Rodriguez è stato bravo a dare le giuste motivazioni al gruppo e sono convinto che la squadra darà come sempre il massimo per essere sul pezzo nella difficile trasferta sarda”.

C’è da precisare come la struttura della società H.C. San Giorgio Molteno Salumificio F.lli Riva si sia mossa tempestivamente, già nella serata di mercoledì, per garantire la propria disponibilità agli organi competenti, mettendo in atto ogni tipo di protocollo per la sicurezza di tutti. Ed anche in questi giorni, il presidente Livio Redaelli, insieme alla dirigenza della società, si è mosso con la massima rapidità e professionalità, per essere pienamente a norma con tutte le indicazioni poste dalla Federazione e dagli organi sanitari competenti.