Merate, ridotta la sospensione all’ex caposala del Mandic

Tempo di lettura: 1 minuto
Franco Scorzelli (Usb)

Il provvedimento disciplinare risale alla fine del 2017

“Voglio ringraziare i lavoratori che hanno testimoniato la vera versione dei fatti”

MERATE – “Ci sono voluti più di due anni e mezzo, ma alla fine giustizia è stata fatta”. Sono le parole pronunciate da Francesco Scorzelli, ex caposala del Pronto Soccorso e ora responsabile del servizio trasferimenti, a cui nel 2017 l’ufficio procedimento disciplinare aveva inflitto una sanzione disciplinare di tre mesi di sospensione dal servizio. Nei giorni scorsi il giudice del lavoro ha ridotto la sospensione da tre mesi a uno solo dichiarando l’illegittimità parziale della sanzione disciplinare. L’ufficio procedimento disciplinare gli aveva contestato diversi punti tra cui il comportamento che l’ex caposala avrebbe avuto nei confronti di un paziente del pronto soccorso. “Voglio ringraziare i lavoratori del presidio di Merate, che hanno testimoniato la loro vera versione dei fatti, confutando le valutazioni poste in malafede dell’Upd. E un grazie va al mio sindacato, l’Usb e ai suoi tesserati, ai suoi dirigenti, ai suoi legali gli avvocati Gianluigi Valesini e Laura Annamaria Sitzia, che mi hanno sempre supportato”.