Barriere anti-attentato in piazza, resteranno o verranno smantellate?

Tempo di lettura: 2 minuti
I jersey posizionati a difesa di piazza Cermenati
I jersey posizionati a difesa di piazza Cermenati

 

LECCO –   La paura alza muri non semplici da rimuovere:  dopo il Natale ‘blindato’ in quasi tutte le grandi città italiane per il rischio di attentati terroristici, l’amministrazione comunale di Lecco si interroga ora sulla possibilità di smantellare i pesanti jersey installati durante le festività a protezione di piazza Cermenati, che ha ospitato il mercatino natalizio e il concerto di Capodanno.

A sollevare il tema in Consiglio comunale, lunedì sera, è stato il consigliere leghista Andrea Corti, sollecitando la giunta ad una risposta sulla permanenza delle barriere nel centro storico.  “E’ importante capire se queste misure siano ancora necessarie, se quindi l’allerta permane e  bisogna mantenerle nelle zone del centro che normalmente ospitano eventi – ha spiegato il vicesindaco Francesca Bonacina – conclusi gli appuntamenti di Natale, infatti,  partiranno a breve quelli primaverili”.

La decisione, ha sottolineato l’assessore Corrado Valsecchi, spetta alla Prefettura, già interpellata sulla questione dal municipio: “Vorremmo sapere se i blocchi di cemento possono essere rimossi definitivamente o si dovrà ricollocarli in futuro. Operazioni che hanno un costo”.

Un ‘metti e togli’ che rischia di essere dispendioso per le casse comunali, sperando non si decida altrimenti una soluzione definitiva, con barriere fisse, a discapito della bellezza del piazzale affacciato al lago. “Auspichiamo non sia necessario – spiega l’assessore Valsecchi – ci atterremo comunque alle decisioni della Prefettura. Nei prossimi giorni dovremmo avere una loro risposta”.

Advertisement