Welfare Aziendale: voucher ai dipendenti per pagare le badanti

Tempo di lettura: 3 minuti

MANDELLO – Nuovo progetto di Welfare Aziendale targato Consorzio Lariano di Mandello del Lario questa volta realizzato in sinergia con la cooperativa Synthesis e l’Asl di Lecco. Tema: “Come conciliare lavoro e cura degli anziani”.

La prima parte del progetto ha visto la realizzazione di una guida pratica, la prima in Italia, contenente indicazioni e consigli sulla programmazione della cura dell’anziano, la gestione del tempo da parte di chi se ne occupa (Caregiver) e suggerimenti per imparare a stendere una programmazione finanziaria utile a creare il piano di assistenza famigliare. La seconda parte del progetto, battezzata Anchise, consiste nell’erogazione di Voucher a favore di famiglie bisognose e che ne faranno richiesta con i quali coprire le spese della badante. Sostegno, quest’ultimo, del quale potranno beneficiare solamente le famiglie dei dipedenti delle aziende associate al Consorzio.
Il progetto Anchise, del costo totale di 30mila euro, è stato finanziato per l’80% dell’Asl di Lecco e per il rimanente 20% del Consorzio stesso.

A presentare l’iniziativa di Welfare Aziendale, la seconda “griffata” Consorzio Lariano, sono stati il presidente Andrea Venini, il direttore Carlo Invernizzi e il presidente di Synthesis SCS Renato Bertola.

Proprio quest’ultimo, dopo aver illustrato la guida pratica “Come conciliare lavoro e cura degli anziani” (pubblicata in 5000 copie) a disposizione gratuitamente presso la sede del Consorzio Lariano di piazza Indipendenza, 2 di Mandello del Lario, ha snocciolato le tre tipologie di Voucher che verranno erogati: “Il primo l’abbiamo denominato ‘Badante no Problem’ ad avrà un valore di oltre 1500 euro il quale garantirà la copertura finanziaria di un mese del servizio badante, la quale resterà a domicilio della persona in cura, giorno e notte, per un totale di 54 ore settimanali; il secondo Voucher coprirà il 60% della spesa oraria e il terzo il 30%”.

Un anno la durata del progetto, previo il raggiungimento del budget predisposto, mentre le badanti che presteranno servizio avranno tutti i requisiti Osa (Operatore Socio Assistenziale) e Oss (Operatore Socio Sanitario) e verranno messe a disposiizone della cooperativa Synthesis.

Piena soddisfazione da parte del direttore del Consorzio Lariano, Carlo Invernizzi che sottolineato come il successo ottenuto dal Consorzio in ambito di Welfare Aziendale sia dovuto principalmente alla capacità di aver fatto collaborare realtà profit e no profit.

Il presidente Andrea Venini invece ha ricordato come “il Consorzio, nato circa 15 anni fa, dopo aver offerto servizi agli associati per fare impresa e trovare nuove opportunità di business, negli ultimi anni, ha deciso di ampliare diversificare l’offerta cercando di capire quali servizi e quali opportunità per noi imprenditori ci fossero non solo per incrementare i fatturati, ma soprattutto per migliorare la qualità della nostra vita e delle famiglie dei nostri dipendenti. Così, grazie all’esperienza di Carlo Invernizzi, abbiamo pensato di pianificare un progetto di Welfare Aziendale. Il primo, finanziato da da Regione Lombardia, è stato improntato sulla conciliazione scuola – lavoro ed ha ottenuto un successo strepitoso. Oggi, sapendo che un altro problema di conciliazione che riguarda molte famiglie è quello della cura degli anziani, ci siamo facalizzati su questa tematica, convinti che il benessere nostro e delle nostre famiglie comprese quelle dei nostri dipendente non passa esclusivamente dai maggiori fatturati e dai guadagni”.