Nasce il Lecco Film Fest. Maria Grazia Cucinotta madrina della prima edizione

Tempo di lettura: 4 minuti

Un festival al femminile per raccontare la donna nella società di oggi

Tra gli ospiti, l’attrice Maria Grazia Cucinotta, il ministro Elena Bonetti e la giornalista Tiziana Ferrario. Dal 30 luglio al 2 agosto.

LECCO – C’è qualcosa di nuovo a Lecco, un evento inedito alla prima edizione ma che guarda già al futuro, che vuole trovare il proprio posto e un riconoscimento sulla scena nazionale: è il Lecco Film Fest,  una rassegna culturale che è riduttivo definire legata al solo mondo del cinema, è una manifestazione a tutto tondo che approfondirà un tema ben specifico.

“Donne oltre gli sche(r)mi” il titolo della prima edizione di un festival “al femminile” perché dedicato all’universo delle donne, al mondo visto con il loro sguardo, alle tematiche di genere, alla questione della parità e delle discriminazioni, quindi alle fatiche nell’affermarsi nel mondo del lavoro, il tema della violenza e dei femminicidi, della vita familiare ma anche occasione per far conoscere i talenti in ‘rosa’ e le loro storie.

Saranno le stesse registe, attrici, professioniste del mondo della comunicazione a raccontarsi di fronte al pubblico lecchese tra il 30 luglio e il 2 agosto.

Chi ci sarà

Hanno già confermato la loro presenza Maria Grazia Cucinotta, ‘madrina’ della prima edizione del festival, le attrici Matilde Gioli e Chiara Francini, le registe Elisa Amoruso, Antonietta De Lillo e Angela Prudenzi. Ci sarà il regista Giulio Base e la titolare della Wanted Cinema, Anastasia Piazzotta.

Per il mondo del giornalismo e della comunicazione spicca il nome di Tiziana Ferrario con Gianni Riotta, poi la giornalista del Corriere Costanza Rizzicasa d’Orsogna e la youtuber Tess Masazza.

La presentazione del Festival

Ci sarà anche la presenza eccellente della ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti mentre per il mondo dell’istruzione parteciperanno Antonella Sciarrone, prorettrice dell’Università Cattolica insieme ai docenti dello stesso ateneo, i sociologi Chiara Giaccardi e Mauro Magatti.

Si attendono ulteriori conferme e a breve sarà reso noto il calendario. Cuore del festival sarà Piazza Garibaldi, con le proiezioni serali dei film, mentre al mattino sono previsti momenti di formazione rivolti ai giovani e al pomeriggio incontri di approfondimento e confronto. Tutti appuntamenti che saranno gratuiti ma con prenotazione raccomandata.

Gli organizzatori

L’evento è promosso dalla Fondazione Ente dello Spettacolo della Chiesa cattolica insieme a Confindustria Lecco Sondrio, con la collaborazione del Comune di Lecco e parrocchia San Nicolò, e il contributo tra gli altri di Regione Lombardia, Camera di Commercio e Fondazione Comunitaria del Lecchese.

Mons. Davide Milani

“La proposta di realizzare questa manifestazione è arrivata da Confindustria, è due anni che ne parliamo e nel 2019 si è messa in moto la macchina organizzativa e ha rischiato di spegnersi nei mesi della pandemia ma abbiamo deciso di provarci lo stesso” spiega mons. Davide Milani, prevosto di Lecco e referente della Fondazione Ente dello Spettacolo.

“Come fondazione ci siamo posti la questione del mondo di affrontare questo tema, non volevamo limitarci alle denunce dei casi di discriminazione, abbiamo cercato una strada nostra – ha proseguito mons. Milani – abbiamo voluto chiedere alle donne cosa manca oggi per renderle realmente protagoniste della nostra società”.

Il festival ha dovuto fare i conti con l’emergenza sanitaria che ha costretto a rivedere in parte l’organizzazione dell’evento “ma ce l’abbiamo fatta, insieme – ha sottolineato il presidente di Confindustria Lecco Sondrio, Lorenzo Riva – crediamo che questo festival sia un segnale di speranza e vogliamo che dia a Lecco l’importanza che merita, creando (perché no?) anche opportunità economiche per la nostra città”.

Lorenzo Riva, presidente di Confindustria

Lecco Film Festival è stato presentato martedì mattina alla sede di Confindustria Lecco con gli interventi anche dell’assessore comunale alla Cultura, Simona Piazza, del sottosegretario regionale Antonio Rossi e del presidente di Fondazione Comunitaria, Mario Romano Negri. Direttrice dell’evento è Angela D’Arrigo.

Maggiori dettagli sul programma saranno svelati nei prossimi giorni. 

 

Advertisement