Valmadrera, l’Orto Botanico del centro culturale si candida a “Ville Aperte”

Tempo di lettura: 2 minuti

Rinnovata la convenzione tra Valmadrera e il sistema museale lecchese

Per l’evento “Ville Aperte” sarà visitabile l’orto botanico del centro culturale

VALMADRERA – Durante la seduta del Consiglio Comunale di Valmadrera del 25 giugno è stato votato all’unanimità lo schema di convenzione per la promozione e la valorizzazione del Sistema Museale della Provincia di Lecco, per il triennio 2020/2022.

Il Sistema Museale è lo strumento mediante il quale i soggetti aderenti (Comuni e altri Enti del lecchese) si propongono di coordinare la conservazione e la valorizzazione del ricco patrimonio dei musei e delle raccolte museali dell’area della provincia di Lecco, e di incrementare la qualità dei servizi offerti all’utenza.

“Valmadrera rinnova la sua adesione con convinzione. Il suo territorio annovera ben due gioielli inseriti nel sistema museale: l’Orto Botanico presente presso il Centro Culturale Fatebenefratelli e il Museo della vita contadina di San Tomaso – spiegano dal Comune – Già meta di un numero crescente di visitatori, i due siti grazie al sistema hanno potuto beneficiare di una serie di progetti di promozione”.

Inoltre, l’Amministrazione comunale di Valmadrera ha aderito alla manifestazione “Ville Aperte in Brianza 2020”, che si svolgerà da sabato 26 settembre a domenica 4 ottobre prossimi, con giornata principale fissata per domenica 27 settembre, proponendo in tale occasione l’apertura dell’Orto Botanico e del Centro Culturale Fatebenefratelli.

La manifestazione, organizzata da alcuni anni dalla Provincia di Monza e Brianza, promuove il patrimonio culturale anche delle Province di Lecco, Como, Milano, Varese, in una dimensione sovracomunale, consentendo al pubblico di accedere a beni solitamente non visitabili oltre che a realtà già accessibili presso le quali vengono organizzate visite guidate dedicate ed eventi speciali.

L’iniziativa sarà l’occasione per dare rilievo all’Orto Botanico di Valmadrera che rientra tra i 7 orti botanici di maggiore importanza in Lombardia.