Housing studentesco: in un Hackathon sfida di idee tra i giovani del Master Lecco100

Tempo di lettura: 2 minuti
hackathon lecco100
I partecipanti alla prima edizione del Master

L’iniziativa a margine del Master manageriale organizzato dall’associazione Lecco100 di Confcommercio Lecco

E’ stata la prima edizione: “Banco di prova per i giovani per poter dare risposte a problemi collettivi”

LECCO – Nove giovani del Master Lecco 100 promosso da Confcommercio Lecco si sono sfidati in un Hackathon sul tema dell’housing studentesco. L’iniziativa si è svolta ieri, venerdì 3 maggio, presso la sede dell’Associazione, dalle 8 alle 17: una prima edizione molto positiva, come spiegato dal presidente di Lecco100 Angelo Belgeri e da Filippo Pozzoli (Comitato per lo sviluppo dei Giovani del Bacino del Mediterraneo, membro e formatore del Consiglio Nazionale dei Giovani) che ha partecipato alla scorsa edizione del Master e che ha proposto alle tre squadre in gara il tema della sfida.

“Abbiamo voluto dare la possibilità ai giovani talenti manageriali di sviluppare soluzioni a problemi collettivi, in questo caso l’housing studentesco – ha spiegato Pozzoli – un banco di prova a cui i ragazzi hanno risposto molto bene”.

Nel corso della sfida i tre gruppi hanno sviluppato e messo a punto una soluzione volta a dare risposta al crescente costo degli alloggi per studenti da un lato e alla scarsa disponibilità di immobili, in uno scenario – molto attuale – di progressivo invecchiamento della popolazione. Al termine dei lavori i tre gruppi hanno presentato a turno la propria proposta, compresa di piano finanziario, valutata poi da Pozzoli.

Non sarà un’iniziativa isolata, come precisato da Belgeri: “Ogni anno il Master Lecco100 si rinnova e da l’opportunità di mettersi in gioco in maniera diversa. Abbiamo pensato all’Hackaton, sicuramente verrà riproposto ma stiamo pensando anche a nuove iniziative”.

“E’ una modalità generativa applicabile a tanti temi – ha concluso Pozzoli – sarebbe bello riuscire ad implementare questo talento a favore di una realtà del terzo settore per lavorare con un obiettivo preciso e che sappia dare concrete risposte”.

Advertisement