Tuba e bastone: Ceresa sposo con Gioia

Tempo di lettura: < 1 minuto

Ha aspettato un sabato di compleanno per portare all’altare la findanzata da una vita, ieri alla vigilia di Pontida, il segretario provinciale della Lega Nord Ferdinando ‘Pucci’ Ceresa, a 41 anni giusti giusti ha finalmente sposato Debora Gioia. Lo scorso anno sempre il 18 giugno invece si era laureato.

E per un politico come lui, capogruppo in consiglio provinciale, vice presidente della società Silea e presidente dell’associazione La Fornace (Sagra delle Sagre), il parterre degli invitati era di tutto rispetto. Ovviamente i big lecchesi del suo partito. Per lui che è uomo di mediazione, hanno voluto esserci due che sono antagonisti nella realtà locale: il senatore  Lorenzo Bodega già in chiesa e in serata Roberto Castelli. E poi presenti anche il presidente della provincia Daniele Nava, un nutrito gruppo di assessori provinciali ed esponenti di vario livello del Carroccio.

Ceresa si è sposato nel suo paese, Oggiono, nella chiesa parocchiale di Sant’Eufemia, ma il corso pre matrimoniale è stato svolto a Barzio (Valsassina) con l’ex parroco don Alfredo Comi – tra i concelebranti sull’altare.

Nella foto sotto vediamo gli sposi, un Ceresa all’anglosassone con cilindro, bastone e… bouquet, evidentemente non più della sposa, ma dello sposo.

Advertisement