Overtourism sul Lario, Zamperini (FDI): “E’ un problema di ordine pubblico sul quale intervenire”

Tempo di lettura: 3 minuti
Cai_Lecco_150_anni_programma_eventi_presentazione_20240208
Giacomo Zamperini, consigliere regionale

Aumento dei viaggiatori in treno soprattutto nei weekend e nei festivi

“Il turismo può essere certamente positivo per il territorio, ma può anche trasformarsi in un incubo per i residenti e ciò dev’essere evitato”

LECCO – Il turismo in Lombardia è in forte crescita, con un aumento dei viaggiatori in treno soprattutto nei weekend e nei festivi. Per far fronte a questa affluenza, Trenord ha deciso di potenziare i servizi, in particolare verso i laghi e i luoghi turistici (compresi quelli in provincia di Lecco).

A livello lombardo sono oltre 300 mila i viaggiatori in treno il sabato, il 4% in più rispetto al pre-Covid, e oltre 200 mila la domenica, con una crescita del 10% rispetto al 2019. Tuttavia, l’incremento dei turisti sta creando problemi di sovraffollamento e alcuni comuni si stanno attivando per portare al vaglio l’introduzione di un ticket di ingresso per limitare i danni da sovraffollamento turistico.

“Un primo intervento è già stato adottato con l’introduzione di corse aggiuntive nei giorni festivi ma stiamo lavorando insieme all’Assessore Regionale ai Trasporti, Franco Lucente, perché dal primo giugno queste corse aggiuntive non siano effettuate solo nei giorni festivi ma in tutti i giorni della settimana ed il servizio sia ulteriormente potenziato – continua Giacomo Zamperini, Consigliere Regionale – È evidente che ci sia un problema di ‘overtourism’ sul nostro lago, per il quale va ripensato l’intero sistema. Non so se la soluzione del ticket sia quella più efficace anche perché c’è un problema dal punto di vista normativo, essendo la stazione di Perledo un hub di turismo intermodale, che non riguarda soltanto il treno, ma anche la navigazione, però certamente è una strada che va presa in considerazione. Ci sono più fattori in campo e più enti che devono dialogare tra loro”.

“Quello che è certo è che non si può andare avanti così perché le immagini che abbiamo visto ieri della stazione di Perledo parlano chiaro. Non è solo una questione di disagio ma si tratta di un vero e proprio problema di ordine pubblico, sul quale serve intervenire prontamente – continua Zamperini – Il tema del ticket con l’esenzione dei residenti e dei villeggianti può essere sviluppato, ma per funzionare dovrebbero essere coinvolte tutte le realtà affacciate sul lago, bisogna trovare una soluzione efficace che coinvolga l’intero territorio perché il problema dell’overtoursim non riguarda solo alcuni comuni ma è un problema diffuso”.

“Serve tempo e spazio per il turismo: distribuire le presenze sul territorio. Va disincentivata, magari aumentando il costo dei biglietti per chi viene da fuori, la presenza in alta stagione del ‘mordi e fuggi’ in giornata, perché è quella più dannosa. Non possiamo concentrare le presenze, sia per offrire il ricordo di un’emozione più godibile a chi visita il territorio, favorendo il turismo lento ed esperienziale, sia per salvaguardare i residenti ed i villeggianti che soffrono il sovraffollamento. Si potrebbe pensare di incentivare lo spostamento verso le terre alte, come ad esempio Esino Lario ed altre zone meno frequentate e che per questo possono offrire esperienze uniche ed autentiche” spiega Giacomo Zamperini.

“Il turismo può essere certamente positivo per il territorio, ma può anche trasformarsi in un incubo per i residenti e ciò dev’essere evitato. Il nostro lago come le nostre montagne non devono diventare un luna park dove le luci si accendono e si spengono nel corso di una stagione. Serve che i nostri cittadini possano respirare tutto l’anno e godere, tanto quanto i visitatori estemporanei, delle nostre meraviglie. Infine, particolare attenzione va posta sul caro affitto. Il lago e le montagne devono essere amiche della famiglia, senza costringere le persone a trovare altre zone dove crescere i loro figli” conclude così Zamperini.

Advertisement