Antonio Rusconi torna alla guida di Valmadrera: “La mia vittoria più bella”

Tempo di lettura: 3 minuti

Rusconi eletto sindaco con 2246 voti (36,10%), dietro Alessandro Leidi (33,64%) e Guido Villa (30,26%)

“Questa vittoria vale molto e voglio dedicarla a due miei maestri: Panzeri e Rusconi”

VALMADRERA – “La mia vittoria più bella anche se ritengo il mio merito inferiore a quello degli altri protagonisti che sono i ragazzi della lista”. Con 2246 voti  (36,10%) Antonio Rusconi (Progetto Valmadrera) è stato proclamato sindaco.

Commenta così la sua vittoria Rusconi che, dopo 15 anni, torna alla guida del comune: “Mi siederò nel municipio che ho inaugurato io ma che, di fatto, non ho mai utilizzato poiché mancavano pochi mesi alla scadenza del mio mandato”.

E poi, un pensiero per un amico: “Non è stato bello essere qui oggi perché avrei voluto essere al funerale di Marco Deriu ma, visto che le prime schede mi vedevano sotto, non mi sembrava giusto ‘scappare’ e ho voluto metterci la faccia” ha detto Rusconi.

“Questa vittoria vale molto di più delle vittorie conseguite col 70% – continua Rusconi -. Arriva da una scelta fatta con responsabilità, con due genitori invalidi a casa, mentre continuavo a insegnare perciò molto sofferta dal punto di vista personale”.

E poi, una dedica particolare: “A due miei maestri in politica che sono mancati negli ultimi mesi: Mauro Panzeri e Antonio Rusconi Senior che mi hanno insegnato a fare il sindaco e a far imparare ad altri a fare il sindaco che è il compito che ho io adesso. E’ necessario avere il senso del bene della comunità, ho sentito troppe parole fuori luogo in questa campagna elettorale, dobbiamo tornare a stimarci all’interno della nostra comunità”.

Rusconi pensa già ai prossimi cinque anni: “Il compito di un sindaco è quello di camminare con la sua gente, con le gioie e con i dolori, questa è una delle fatiche che bisogna fare. Domani mattina convocherò i dipendenti perché potrei ritrovarmi subito un problema positivo/negativo: Chiara Narciso è stata eletta sindaco e dovrò fare i conti con questa cosa. Non avrò fretta di fare la giunta, ma da domani pomeriggio ascolterò tutti i 16 componenti della lista per fare le mie riflessioni”.

Alessandro Leidi con la sua squadra

Alessandro Leidi (Lega): “Dispiace perdere per così poco”

“Un reale testa a testa e siamo particolarmente soddisfatti del lavoro fatto in soli 50 giorni. L’impegno e la voglia di fare hanno prevalso su tutto. – ha detto Alessandro Leidi (Lega), secondo con 2093 voti (33,64%) -. Perdere per così poco dispiace, ma è chiaro che il risultato dà una situazione per cui 2 cittadini su 3 non sono a favore dell’attuale e prossima amministrazione; di questo la maggioranza dovrà tenerne conto. Saranno cinque anni di opposizione reale, attiva e trasparente comunicando ai cittadini tutto ciò che avviene all’interno della casa comunale”.

GALLERIA FOTOGRAFICA

Advertisement