La nuova viabilità non convince, ecco le proposte del comitato via Palestro

Tempo di lettura: 2 minuti
Nuova_viabilità_Lecco_liceo_scientifico
Via Palestro

Martedì 30 aprile l’incontro tra il sindaco e una delegazione di residenti

“Ausiliari del traffico e un sottopasso tra via Grassi e via Centrone potrebbero risolvere le criticità senza stravolgere la viabilità”

LECCO – Dopo l’assemblea della scorsa settimana sul cambio viabilità il comitato di cittadini delle vie Palestro, Col di Lana, Grassi, Resinelli, Volturno, Pastrengo e Legnano ha inoltrato al sindaco Mauro Gattinoni un elenco di proposte da discutere nell’incontro fissato per il 30 aprile in municipio. In quell’occasione, infatti, il sindaco incontrerà una delegazione del comitato per parlare del nuovo progetto viabilistico sperimentale annunciato dall’amministrazione, volto a decongestionare l’area di Largo Monte Nero.

L’attuale viabilità funziona – dichiarano i residenti – e non presenta particolari criticità, se non per il breve lasso di tempo necessario all’entrata e all’uscita degli studenti del Liceo Grassi. La presenza di volontari ausiliari del traffico potrebbe agevolare tale procedura, sorvegliando anche sulle soste delle auto in divieto, così come avviene all’uscita della scuola Carducci”.

Tra le proposte che il comitato presenta al sindaco vi è anche quella di realizzare un sottopasso che porti dall’uscita del liceo direttamente alla via Centrone che conduce alla stazione: “In questo modo si supererebbero anche le criticità del passaggio pedonale di Corso Matteotti” spiegano.

Nuova_viabilità_Lecco_liceo_scientifico
La rotonda di Largo Monte Nero

Nell’elenco si arriva anche a chiedere di rinviare la decisione sulla viabilità a dopo il rinnovo della Giunta Comunale: “Nel programma dell’attuale Giunta non c’è traccia di questa volontà, sarebbe un modo per permettere ai cittadini di valutare questa importante proposta, sia sotto l’aspetto viabilistico che finanziario. Nel caso la giunta comunale ritenesse così di primaria importanza effettuare una prova per valutare l’impatto sul traffico cittadino, chiediamo di spostare la “prova” a quando saranno terminati i lavori per il teleriscaldamento, così da non creare disagi su disagi in uno snodo viario importante per l’intera città”.

“Le nostre proposte sono di buon senso anche in relazione a possibili sprechi di denaro pubblico – concludono i cittadini – rimaniamo positivi sulle buone intenzioni che il Sindaco e la giunta comunale hanno di interloquire con noi, nella speranza che non sia solo una volontà di “facciata”, ma per questo saranno i fatti a giudicare. Evidenziamo che la maggior parte delle vie della città, presentano buche e asfalto sconnesse, quindi sarebbe meglio utilizzare l’ingente denaro che si dovrà spendere per cambiare una viabilità che tutto sommato funziona, per rifare il manto stradale delle vie più disastrate”.

Advertisement