Via libera al progetto definitivo per la riqualifica della scuola De Amicis

Tempo di lettura: 2 minuti
scuola-de-amicis-lecco

La sede della primaria sarà interessata da importanti lavori di sistemazione

“Un polo didattico e spazi per la comunità nell’area di rigenerazione urbana della Piccola, vicina al Politecnico e al centro cittadino”

LECCO – Approvato nel pomeriggio di ieri dalla Giunta comunale di Lecco il progetto definitivo di riqualificazione dell’edificio scolastico di via Amendola, che ospita la primaria Edmondo De Amicis.

L’approvazione segue la ricezione della nota di Regione Lombardia del 15 aprile, nella quale si esprime l’ammissibilità della proposta di variante, indicante la presenza nell’immobile di 10 classi della scuola primaria De Amicis e di 2 sezioni della scuola dell’Infanzia Damiano Chiesa, rispetto al progetto originario presentato per la sola scuola primaria in fase di partecipazione al bando regionale “Spazio alla Scuola”. Una situazione già in essere, dal momento che l’immobile di via Ghislanzoni, in cui trovava spazio la Damiano Chiesa, ospiterà la Casa di Comunità di Regione Lombardia.

Il nuovo polo didattico valorizzerà la relazione tra l’edificio e la comunità: scuola, cortili e spazi aperti con il quartiere saranno il punto di partenza per l’aggregazione e l’inclusione. La struttura ha il potenziale per ospitare un sistema diversificato di servizi culturali e formativi aperti ai bambini e alle loro famiglie, oltre che aggregativi e ludico-sportivi per i giovani. Inoltre, il progetto adotta soluzioni che si sposano con le esigenze di una didattica contemporanea di stampo Montessoriano, in continuità rispetto a quanto già avviato alla De Amicis, con arredi modulari che permettono un adattamento alle diverse funzioni richieste. Gli interventi sul fronte dell’efficientamento energetico porteranno infine l’edificio in classe NZeb e consentiranno di accedere alle risorse del Conto Termico.

Il prossimo passaggio sarà l’indizione della procedura di gara per l’affidamento dell’appalto integrato al soggetto che dovrà poi redigere il progetto esecutivo e realizzare i lavori. Per questa procedura, i tempi collegati con la compartecipazione regionale prevedono che il termine per la presentazione delle offerta sia fissato entro la fine del mese di maggio.

Advertisement