Lario Reti Holding. Lavori di separazione della fognatura mista a Paderno d’Adda

Tempo di lettura: 2 minuti

Iniziate le opere dal valore di 800 mila euro

Gli interventi diminuiranno la probabilità di formazione degli allagamenti che affliggono la zona

PADERNO D’ADDA – Con l’inizio di maggio, Lario Reti Holding ha dato il via ai lavori per la separazione della fognatura mista nel comune di Paderno d’Adda. Attraverso queste opere verrà realizzata una nuova condotta in cui dovranno essere convogliate le acque scure (reflue), mentre verrà mantenuto la condotta esistente nel quale verranno veicolate le sole acque chiare (piovane). Le opere, dal valore di 800 mila euro, termineranno nei primi mesi del 2025 e i luoghi verranno ripristinati, dopo il periodo di consueto assestamento del fondo stradale, allo stato esistente prima dei lavori.

Nel dettaglio, i lavori consisteranno nella dismissione lungo Strada delle Liviere di tre scolmatori, impianti che, in caso di piogge intense, deviano il flusso della fognatura mista verso il fiume, evitando il sovraccarico della rete e nella realizzazione di nuove reti di fognatura nera nelle vie Festini, Mazzini e Cantù. Inoltre, saranno installate 42 nuove camerette di ispezione lungo i tratti di rete di fognatura.

Un altro aspetto chiave del progetto è la realizzazione di una stazione di pompaggio lungo via Cesare Cantù. Questa stazione sarà dotata di una vasca per le pompe, una camera di manovra e il relativo vano per i quadri elettrici, assicurando un flusso costante e affidabile delle acque reflue verso il depuratore di Verderio. Lavori puntuali saranno eseguiti anche presso gli sfioratori da dismettere, compresa la demolizione e la ricostruzione per trasformarli in camerette di ispezione.

L’obiettivo dello sdoppiamento è duplice: fare confluire al depuratore di Verderio le sole acque reflue, contaminate da elementi biologici, industriali e chimici inquinanti per consentire all’impianto di depurazione di essere più efficiente sul piano energetico, ricevendo minori volumi di acqua piovana da trattare. Inoltre, verrà garantito un vantaggio di tipo ambientale: lo sdoppiamento della rete consentirà di evitare l’immissione in fossati, torrenti e fiumi di quote di fognatura, derivanti da manufatti scolmatori in occasione di forti piogge.

Contestualmente alle opere di fognatura, sulla rete di acquedotto, per una lunghezza di circa 2 km, verranno sostituite alcune condotte ormai guaste con altre in “pead”, polietilene ad alta densità, che garantiscono una maggiore durata nel tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisement