Nostra Famiglia. Raccolti 52.000 euro grazie alla Cena di Gala

Tempo di lettura: 3 minuti

La cifra raccolta sarà devoluta alla ricerca sull’autismo nella prima infanzia

“La ricerca è servita”: questo lo slogan della Cena di Gala

BOSISIO PARINI – 130 persone presenti, 52.000 euro raccolti e l’alta cucina dello chef Theo Penati (nel menu ombrina bocca d’oro, giardinetto di verdure e salsa martini): il tutto per finanziare un nuovo progetto di ricerca sull’autismo nella prima infanzia, il cui obiettivo è capire come entrano in sintonia le attività cerebrali dei bimbi e dei loro genitori.

Lo chef Theo Penati

“Le ricerche più recenti hanno mostrato che i bambini con autismo quando interagiscono con i propri genitori manifestano alterazioni neurali che sembra siano associate alle successive difficoltà sociali, linguistiche e comunicative- spiega ai presenti la ricercatrice Valentina Riva, referente dell’area autismo del BabyLab dell’IRCCS Medea-. La maggior parte di questi lavori si basa però sullo studio delle risposte neurali del singolo bambino, un approccio lontano da una reale interazione sociale. Per questo motivo il nostro Babylab si propone di studiare l’attività cerebrale del bambino piccolo e del genitore attraverso un nuovo approccio, chiamato “hyperscanning”, che permette di analizzare simultaneamente l’attività cerebrale di due o più individui in relazione. Potremo così far luce sui meccanismi neurali sottostanti alla complessità delle relazioni sociali genitore-bambino”.

Ospite d’onore dell’evento è stato Andrea Lanfri, trentasette anni, toscano di Lucca, la cui vita è cambiata nell’inverno 2015 per una meningite fulminante con sepsi meningococcica: Lanfri ha raccontato come, nonostante l’amputazione delle gambe e di sette dita delle mani, sia riuscito nell’impresa di scalare il Monte Bianco e sia stato il primo atleta con più amputazioni a conquistare l’Everest.

Andrea Lanfri

La Direttrice generale regionale Francesca Pedretti e il Direttore regionale operations Ivan Snider hanno illustrato l’impiego dei fondi raccolti lo scorso anno per finanziare lo Spazio RAP – Riabilitazione autismo in età prescolare, dove opera un servizio dedicato a 150 bambini tra i 3 e i 5 anni con diagnosi di disturbo dello spettro autistico. Il progetto ha consentito il rinnovamento del 5° padiglione, che ora è totalmente sostenibile grazie alla posa di 100 kw di pannelli solari.

Durante la cena un’asta ha aggiudicato ai migliori offerenti le maglie autografate di Federica Brignone, Rafael Leao, Federico Di Marco e Manuel Locatelli oltre a due magnum di prestigio (Cà del Bosco Jeroboam Cuveè Prestige Franciacorta 3 LT omaggio a Robert Kubica, La Versa Testarossa Jeroboam annata 1990 Blanc de Noirs 3LT).

“Sono molto soddisfatto per l’amicizia che il territorio ha dimostrato nel rispondere al nostro appello”, dichiara il Responsabile della raccolta fondi Giovanni Barbesino: “ringrazio Theo Penati e Andrea Lanfri, il Presidente di ACInque Energia Giuseppe Borgonovo, la Vicepresidente del Gruppo Pellegrini Valentina Pellegrini, il Ceo del Consorzio Oltrepo Umberto Callegari, tutte le aziende che ci sostengono con prodotti e premi e il personale che opera per la buona riuscita della serata. Ringrazio moltissimo anche i nostri studenti dei Centri di Formazione Professionale di Bosisio Parini e Castiglione Olona, che hanno curato l’allestimento dei tavoli e della sala”.

Advertisement