Tradizione rispettata anche a Olginate con “Brusa Ginèe”

Tempo di lettura: 2 minuti

Ieri sera la tradizionale manifestazione promossa dalla Pro Loco

Il corteo rumoroso, con latte e pentole, si è portato dal centro sul lungolago dove è stata bruciata la Gibiana

OLGINATE – Tradizione rispettata anche a Olginate con un Brusa Ginèe che non ha deluso le aspettative. In tanti hanno infatti preso parte alla manifestazione promossa dall’amministrazione comunale insieme alla Pro Loco, agli alpini, all’oratorio, all’associazione Scuolaboriamo e al gruppo Piedibus.

Ad aprire l’appuntamento il corteo rumoroso e festoso per le vie del paese dal centro fino alla piazza del mercato: grandi e piccini hanno infatti camminato “armati” di pentole, coperchi e latte per accompagnare l’ape car su cui era stato posto il fantoccio della Gibiana.

Arrivati sul lungolago, la Gibiana è stata posizionata in cima alla catasta di legna per essere poi bruciata in un grande falò con cui scacciare freddo, preoccupazioni e fastidi.

A impreziosire la serata, a cui ha preso parte anche il sindaco Marco Passoni, la presenza della “Compagnia del Re Gnocco” con canti e balli, mentre Pro Loco e Alpini si sono occupati dell’apprezzato servizio ristoro.

Advertisement