Omicidio di Esino. Dopo l’interrogatorio Luciano Biffi resta in carcere

Tempo di lettura: < 1 minuto
luciano biffi

Escluse le aggravanti della premeditazione e delle sevizie

Il Giudice Passoni ha convalidato l’arresto del 60enne che ha ucciso l’assessore Beghetto

LECCO – Il Giudice per le Indagini Preliminari Nora Lisa Passoni, nella mattinata di oggi, ha depositato l’ordinanza con la quale, a seguito dell’interrogatorio di garanzia svoltosi nella giornata di ieri, ha convalidato l’arresto di Luciano Biffi, che domenica scorsa ha ucciso a colpi di falcetto l’assessore di Esino Lario Pierluigi Beghetto al culmine di una lite tra vicini di casa.

Riconoscendo la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari così formulate dalla Procura della Repubblica di Lecco, ha applicato nei suoi confronti la misura di custodia cautelare in carcere con la sola eccezioni delle aggravanti della premeditazione e delle sevizie.

Advertisement