Nuovo lungolago, lavori al via: 21 mesi di tempo per il ‘restyling’

Tempo di lettura: 3 minuti
Lavori lungolago cantiere lecco

I lavori in otto fasi, si parte dal lato a monte per poi passare al lago

Per l’estate la passeggiata sarà agibile, restano anche i parcheggi: i primi posti ‘salteranno’ in autunno

LECCO – Ci siamo: nonostante il meteo nella giornata di ieri, martedì, si è ufficialmente aperto il cantiere per la riqualificazione del lungolago cittadino nel tratto che va da Piazza Cermenati alle Caviate. Un intervento atteso, del costo di 10 milioni di euro, di cui 1.619.318 euro dal Comune di Lecco, 6.710.380 euro dal Pnrr e 1.000.000 euro da Regione Lombardia (per la realizzazione della ciclabile), che darà un nuovo volto al lungolago.

I lavori di riqualificazione del lungolago prevedono un cronoprogramma di 21 mesi con scadenza, legata ai fondi del Pnrr, a marzo del 2026. Martedì pomeriggio gli operai hanno realizzato e posato la segnaletica orizzontale e verticale necessaria all’entrata in vigore delle modifiche alla viabilità per l’allestimento dell’effettivo cantiere.

Le opere, come ricordato dall’assessore i Lavori Pubblici Maria Sacchi, prevedono uno stato di avanzamento per fasi e sezioni: “Si inizierà con la sistemazione dei marciapiedi a monte, quindi verranno realizzate le castellane (attraversamenti rialzati,ndr) e la ciclabile, infine si passerà alla parte più delicata, relativa alla riqualifica della passeggiata lato lago”. I lavori su quest’ultima parte inizieranno entro il mese di settembre: “Rassicuro dunque che la passeggiata sarà completamente accessibile in vista dell’imminente bella stagione”.

Per l’estate resteranno anche i parcheggi, la ‘nota dolente’ del progetto di restyling: per fare posto alla pista ciclabile infatti i posti auto (80 circa) attualmente presenti in lungolago verranno rimossi. I primi a ‘saltare’ saranno quelli dopo l’Imbarcadero e all’altezza della Malpensata, ma non prima di settembre, quando inizierà la cosiddetta ‘Fase 2’.

Le fasi dei lavori

Otto le fasi previste che si svolgeranno secondo un cronoprogramma ‘serrato’: entro il 19 settembre (con una settimana di riposo ad agosto) la previsione è di concludere la sistemazione del marciapiede lungo tutto il lungolario Cesare Battisti (Fasi 8A, 8B e 8IP). “In questa fase saranno realizzate le prime due castellane (C1 e C2 nella mappa) – ha fatto sapere l’assessore – i lavori sul lato lago inizieranno a settembre e saranno divisi in due fasi: la Fase 1 che andrà dal 20 settembre al 20 dicembre e la Fase 2 che andrà dal 20 settembre al 6 febbraio e riguarderà la ciclabile, gli interventi in Piazza Stoppani (fasi 8C e 8D) e la posa della terza castellana (C3). La Fase 3 riguarderà l’area a lago antistante Piazza Stoppani che verrà riqualificata tra fine febbraio e fine luglio 2025”. Oltre alla pavimentazione, attualmente gravemente sconnessa a causa delle radici degli alberi, verranno rifatti i parapetti a lago ed anche gli arredi urbani.

Le modifiche viabilistiche per la prima fase dei lavori in Lungolario Cesare Battisti

Il primo degli otto lotti d’intervento riguarderà l’area del marciapiede a monte di lungolario Cesare Battisti. Le modifiche viabilistiche prevedono l’istituzione del senso unico su via Nava (a salire), nel tratto compreso tra via piazza Cermenati e via Parini, e l’obbligo di svolta a destra al termine di via Parini (scendendo, in direzione via Nava). Provenendo da nord (Abbadia Lariana), all’altezza del semaforo dell’Imbarcadero, sarà istituito l’obbligo di proseguire dritti in direzione Canottieri. Allo stesso tempo saranno spostati, in maniera temporanea, gli attraversamenti pedonali nell’area di cantiere, mentre la fermata del bus troverà posto sull’altro lato di lungolario Cesare Battisti.

“I disagi eventualmente arrecati sono inevitabili, trattandosi di lavoro, ma nell’ottica di un lungolago più bello, sicuro, attento alle persone” ha concluso l’assessore Sacchi.

Advertisement