Varenna resta senza asilo. I genitori: “Una grande amarezza”

Tempo di lettura: 6 minuti
Asilo di Varenna
Asilo 'Pirelli' di Varenna

La lettera dei genitori dell’asilo Pirelli di Varenna destinato a chiudere

“Se ci fosse stato più coinvolgimento e confronto si sarebbero potute trovare soluzioni diverse”

 

VARENNA – “Al di là di qualsiasi polemica personale e politica, i Genitori dei bambini della Scuola dell’Infanzia Bilingue G.B. Pirelli di Varenna vogliono chiarire la propria posizione contraria alla chiusura dell’asilo. La mancanza di una comunicazione chiara e diretta, ha reso molto difficile capire quali fossero la reale situazione e le intenzioni delle varie parti in causa.

Le prime “voci” sulla possibile chiusura si sono diffuse in paese verso la fine di agosto, suscitando molte domande e non poca preoccupazione tra i genitori. Alle richieste di chiarimenti rivolte alle maestre è seguita il 4 ottobre 2022 una comunicazione del Presidente del cda della Fondazione Scuola dell’Infanzia G.B. Pirelli di Varenna (costituita da Comune, Chiesa, Fondazione G.B. Pirelli, un rappresentante del MIUR, un rappresentante dei genitori), in cui i genitori sono stati informati di alcune criticità che imponevano alla Direzione di valutare se sarebbe stato possibile o meno proseguire con l’attività educativa; in particolare erano citate la precarietà della situazione economica e finanziaria della scuola, il calo delle nascite in paese e l’eventuale adeguamento alla riforma del Terzo Settore.

La comunicazione si concludeva proponendo un incontro da tenere nel mese di novembre, in data da definire, e con l’invito a non dare peso alle “voci” che al momento non avevano “alcun fondamento reale” e quindi erano definite “inutili, se non addirittura dannose”. La riunione si è svolta il 14 novembre 2022 con la presenza delle maestre. Il Presidente, in quella sede, ha dichiarato di rappresentare il Comune e ha comunicato la decisione del c.d.a di dimettersi e di procedere alla liquidazione della società, viste la difficile situazione economica in cui versa l’asilo, l’esiguo numero di bambini di Varenna frequentanti e il calo delle nascite in paese, trascurando il fatto che, già da anni, gran parte dei bambini proviene da altri comuni.

Sono stati presentati il bilancio consuntivo e preventivo, su cui pesa fortemente l’iscrizione agli Enti del Terzo Settore obbligatoria per legge, ed è stato riferito un disavanzo attuale di circa 15000 euro. La reazione dei genitori, come inevitabile, è stata di sgomento di fronte alla posizione ferma del c.d.a. e alla notizia della chiusura così imminente, e di rabbia per la mancata comunicazione della reale situazione in tempi utili a trovare una soluzione. Il Presidente ha lasciato intendere che ci fosse una possibilità di scongiurare la chiusura dell’asilo qualora i genitori stessi avessero trovato un nuovo presidente e un nuovo rappresentante dei genitori e si è dichiarato disponibile a seguirli nel passaggio.

È stato infine fissato un nuovo appuntamento per il 17/12 in cui i genitori avrebbero dovuto presentare le proprie proposte per la risoluzione del problema. L’Amministrazione comunale aveva a sua volta fissato un incontro con in genitori che avrebbe dovuto svolgersi il 14/11 al termine della riunione con il cda dell’asilo ma che non è mai avvenuto, in quanto i consiglieri presenti hanno dichiarato che non c’erano ulteriori argomenti di discussione in aggiunta a quanto già detto. I genitori, che in tutti questi anni hanno potuto apprezzare la qualità dell’offerta didattica di questo asilo bilingue, la preparazione e l’umanità delle maestre, la loro capacità di accompagnare i bambini nel loro percorso di crescita stimolandoli e valorizzandoli, la loro attenzione allo sviluppo della personalità del singolo, dell’autonomia e della socialità, si sono subito attivati per cercare delle possibili soluzioni, difficili da trovare con un tempo così limitato a disposizione. Due mamme si sono rese disponibile a entrare a far parte del c.d.a come presidente e come rappresentante dei genitori.

Purtroppo, solo alla fine del mese di novembre, nel corso di una telefonata, è stato chiarito da parte del Presidente che non c’era nessuna possibilità di mantenere in vita la Fondazione dal momento che la cessazione al 30/6/23 era già stata verbalizzata e depositata in comune, contraddicendo quanto aveva detto precedentemente. I genitori hanno così scoperto che l’unico modo per proseguire sarebbe stato quello di costituire una nuova associazione, situazione davvero complicata da gestire per un gruppo di genitori privi di qualsiasi appoggio istituzionale. Alla richiesta di un confronto chiarificatore, cercato in diverse occasioni, sulle motivazioni che avevano spinto il comune ad approvare la cessazione della società, l’amministrazione comunale ha risposto incontrando i genitori il 6/12 e sostenendo nuovamente la necessità di chiudere l’asilo per le motivazioni già comunicate dal Presidente il 14/11, facendo però riferimento ad un disavanzo attuale di 25000 euro. L’amministrazione comunale ha poi dichiarato che, nel caso in cui i genitori avessero trovato una soluzione, avrebbe dato un contribuito economico ma non avrebbe più partecipato ad alcuna società, mostrando così la carenza di visione nel non salvaguardare l’unico presidio per la crescita di un piccolo paese come quello di Varenna.

Un ulteriore tentativo di trovare una soluzione è stato fatto quando la mamma che si era resa disponibile ad assumere la presidenza ha avuto un colloquio personale con il Presidente, il quale le ha prospettato le difficoltà e i rischi economici a cui sarebbe andata incontro se avesse assunto la presidenza di una nuova associazione formata da soli genitori. Il 14/12 la riunione fissata per il 17/12 è stata annullata dalla presidenza, che ha chiuso definitivamente la questione. Di fronte alla necessità di iscrivere i bambini entro il 31/01/2023, le famiglie hanno dovuto trovare delle soluzione logistiche e organizzarsi autonomamente.

Ad oggi i genitori non sanno se e come il comune intende “agevolare“ le famiglie dei bambini di Varenna, iscritti presso altri comuni. A Varenna l’asilo è l’ultima scuola esistente, un’istituzione a cui da oltre cent’anni il paese è legato e a cui molti varennesi hanno dedicato tempo ed energie, come provano, da ultimi, la disponibilità dei volontari che hanno accompagnato i bambini nel percorso Varenna-Bellano durante la chiusura della strada provinciale nel 2021 e l’impegno da sempre prodigato dagli alpini nel sostenerlo.

Non dimentichiamo che gli alpini hanno devoluto all’asilo i proventi della “buseccata” del 15/12/2022. L’asilo non è solo un elenco di cifre e numeri, è il luogo in cui i bambini crescono, si divertono, litigano, sviluppano la propria creatività, imparano a rapportarsi agli altri, il luogo in cui inseguono le loro curiosità e si formano, è il vocìo dei bimbi che giocano, è il loro entusiasmo, è conoscenza, è il diritto dei bambini di essere bambini, è il luogo dove si mettono le basi per il futuro della comunità.

Per noi genitori non è stato facile spiegare ai bambini perchè l’asilo chiuderà, dalle loro parole emerge lo smarrimento che provano all’idea di cambiare ambiente, amicizie e maestre, a riprova del fatto che Angie, Elena, Alessia e tutte le maestre che le hanno precedute hanno saputo creare un ambiente sereno, vivace e molto valido dal punto di vista didattico. Rimane l’amara consapevolezza che la mancanza di chiarezza e di comunicazione di tutte le parti coinvolte, il ritardo con cui è stata riferita ufficialmente ai genitori la decisione presa dal c.d.a., quando ormai la liquidazione della società era già stata definita, ci hanno negato la possibilità di agire in modo realmente propositivo ed efficace. Tantomeno è stato proposto concretamente un aumento della retta. Il mancato coinvolgimento nel cercare una soluzione collettiva al problema è stata prova della mancanza di volontà di evitare la chiusura.

Un confronto costruttivo ed ampio, che avesse coinvolto oltre che i genitori anche la popolazione varennese, in parte ancora all’oscuro della situazione, avrebbe certo prodotto idee e soluzioni possibili, sia in termini economici che organizzativi”.

I Genitori dei Bambini della Scuola dell’Infanzia Bilingue G.B. Pirelli di Varenna


LEGGI ANCHE

Chiusura Asilo di Varenna, presto un confronto con i cittadini

Varenna. Chiusura Asilo, consigliere Rossi: “Alcuni sapevano già da un anno e mezzo”

Advertisement