Una messa, a porte chiuse, in ricordo dei morti lecchesi di Coronavirus

Tempo di lettura: 1 minuto
Il prevosto di Lecco monsignor Davide Milani

Una messa in Basilica a Lecco per tutte le vittime del Coronavirus

Tanti morti senza funerale, il prevosto: “Preghiamo per tutti loro”

LECCO – Questa sera, mercoledì,  sarà celebrata in basilica la Solennità dell’Annunciazione del Signore ricordando i defunti di queste settimane della città di Lecco per i quali non è stato possibile pregare la Messa funebre.

Ne dà annuncio il prevosto mons. Davide Milani. La messa delle 21.30 in Basilica si svolgerà a porte chiuse alla presenza del sindaco Virginio Brivio.

“Dio che diventa uomo assume tutto della nostra umanità, anche il dolore e la morte. Per salvarla. Ci stringeremo così al dolore di tante famiglie delle nostre parrocchie – spiega mons. Milani – Partecipiamo mediante le dirette tv e internet. Riguarda tutti: pregare per i morti, partecipare al dolore di chi piange è un gesto che anzitutto rinnova la nostra umanità mentre è invocazione a Dio per loro. La speranza nasce dal dolore condiviso, dal sentire la compagnia di una comunità, da una morte che è vinta dalla Risurrezione di Cristo”.