Merate, il Covid fa un’altra vittima. Panzeri: “Il grazie ai sanitari per l’instancabile lavoro”

Tempo di lettura: < 1 minuto
Il sindaco Massimo Panzeri

Numeri ancora in crescita nella città brianzola con 33 nuovi positivi in pochi giorni

Il sindaco: “La situazione resta emergenziale. Ce lo ricorda, ogni giorno, il suono delle sirene delle ambulanze”

MERATE – “Il frequente suono delle sirene delle ambulanze dirette al nostro ospedale Mandic ci ricorda che la situazione resta emergenziale. A tutti gli operatori sanitari va l’apprezzamento per l’enorme lavoro che instancabilmente svolgono”. Con queste parole il sindaco Massimo Panzeri ha fornito l’ultimo aggiornamento sull’andamento dell’epidemia da Covid, basandosi sui dati del 19 novembre.

Sono 484 i meratesi risultati positivi al coronavirus da inizio pandemia (a fine febbraio), con un incremento di 33 rispetto alla precedente rilevazione di alcuni giorni fa. Il saldo delle persone attualmente positive fa registrare però un più 3 visto che è in aumento anche il numero di cittadini che si sono negativizzazioni (+29). Per lo più stabile il numero di persone sottoposte a sorveglianza attiva pari a 107 di cui 8 di età inferiore ai 20 anni.

Da segnalare, purtroppo, anche un nuovo decesso: “Esprimo ai familiari le più sentite condoglianze – sottolinea Panzeri aggiungendo – L’ultimo aggiornamento disponibile evidenzia un saldo complessivo pressoché invariato. Notiamo però come il numero dei positivi continui ad aumentare, seppur compensato dai negativizzati”.

Panzeri ha infine sottolineato come permangano le  limitazioni previste per la zona rossa, “a cui apparteniamo ancora almeno fino al 3 dicembre”.