Ventisette podi per l’Italia nelle gare di canottaggio in Umbria

Spiccano i mandellesi Goretti, Panizza, Fasoli e Passini

PIEDILUCO – Dodici ori, nove argenti e sei bronzi: 27 medaglie tutte italiane vinte dagli ‘azzurri’ impegnati nel fine settimana a Piediluco per il XXXIII Memorial Paolo d’Aloja. Un trionfo al quale hanno dato il loro deciso contributo anche gli atleti di Mandello del Lario.

Martino Goretti in ‘azzurro’ premiato

Due gli ori conquistati da Martino Goretti (Fiamme Oro) nel singolo, categoria pesi leggeri, lasciandosi alle spalle i due vogatori svizzeri Julian Mueller e Matthias Fernandez.

A sinistra Simone Fasoli

Doppia medaglia, oro e argento anche per Simone Fasoli (Canottieri Moto Guzzi) nel due senza maschile, prima in coppia con Giorgio Battigaglia (Tevere Remo) che vince di misura, 27 centesimi, sugli azzurri Alessandro Bonamoneta (SS Murcarolo) e Achille Benazzo (RCC Cerea), e poi il secondo posto in equipaggio misto con Simone Mantegazza (Idroscalo).

Andrea Panizza in azzurro, a sinistra

Nel quadruplo Senior maschile, gli iridati in carica Filippo Mondelli, il mandellese Andrea Panizza, Luca Rambaldi e Giacomo Gentili si confermano per due volte d’argento alle spalle dell’Olanda e davanti all’Ucraina.

Arianna Passini e la compagna di squadra Nadine

Al femminile è ancora una volta Arianna Passini, con la compagna di squadra Nadine Agyemang-Heard (Moltrasio) a rappresentare Mandello ad altissimi livelli, aggiudicandosi l’oro nel due senza. Prime per tutto il percorso, hanno confermato il proprio valore anche in chiave internazionale imponendosi su Grecia e Canottieri Lario di Serena Mossi e Ilaria Compagnoni.