Lecco. Morto in fabbrica, la vittima è un ragazzo di 27 anni

Tempo di lettura: 1 minuto

Tragedia all’azienda MAB di viale Brodolini

Un giovane ha perso la vita. Possibile un gesto volontario

LECCO – Ancora un dramma sul posto di lavoro: un giovane lavoratore questa mattina ha perso la vita all’interno della azienda MAB di viale Brodolini, affacciata a Rivabella.

Sul posto sono intervenuti i sanitari e i vigili del fuoco, ma per la vittima non ci sarebbe stato nulla da fare. Si tratta di un 27enne, residente fuori provincia, ad Arcore che da circa tre anni lavorava per la Metallurgica Alta Brianza. E’ stato colpito dalle seghe della macchina, che lo stesso lavoratore adoperava, utilizzata per tagliare l’acciaio.

Secondo quanto emerso, la sua morte potrebbe essere causa di un gesto volontario: il ragazzo avrebbe inviato un messaggio di addio in mattinata, prima che si verificasse il tragico accaduto e un conoscente, preoccupato, avrebbe dato l’allarme chiedendo notizie di lui alle forze dell’ordine.

Saranno queste ultime, insieme al personale dell’ATS, a dover chiarire i fatti accaduti.