Premana. L’emergenza maltempo non ferma la Solino in 20′. “Un segnale di rinascita”

    Tempo di lettura: 2 minuti

    E’ confermata la Solino in ’20. La decisione dopo l’emergenza maltempo

    Gli organizzatori e le autorità confermando lo svolgimento della vertical vogliono lanciare un messaggio: “Premana non si ferma mai”, che è già diventato un hashtag

    PREMANA – “Ci siamo chiesti a lungo se fosse giusto o meno confermare la gara, visto il momento che sta vivendo Premana… Pensiamo sia giusto, anche come segnale di ripartenza”. La gara è la Solino in 20′ e a parlare Fausto Rizzi, il suo organizzatore.

    Fausto Rizzi, l’organizzatore della Solino in ’20

    La decisione di non annullare la vertical premanese è arrivata dopo “esserci a lungo interrogati, è un messaggio di ottimismo e voglia di fare, non vogliamo arrenderci anche se Premana è stata gravemente ferita”. Il maltempo dei giorni scorsi ha, infatti, provocato frane, reso impercorribili strade e sentieri per gli alpeggi, “proprio oggi sono salito a Solino per verificare che tutto fosse in ordine, il sentiero qui è sicuro, ma in altri Alpeggi manca l’acqua, sono crollati ponti e alcune cisterne sono inutilizzabili – continua Rizzi – tutto il paese si è già rimboccato le maniche per rialzarsi”.

    I danni provocati a Premana dal maltempo nei giorni scorsi

    Dal sindaco, Elide Codega, un’ulteriore incoraggiamento “ci ha spinti ad andare avanti nell’organizzazione una volta verificato che non vi fossero rischi” aggiunge Rizzi. Così la gara tutta in salita lungo 2,1 km con 600 m di dislivello porterà i runners fino all’alpe di Solino (1600 m) il prossimo sabato 22 giugno, ad oggi sono già una 50ina gli iscritti.