Robbiate, uccide la madre a martellate nel giorno di Natale

Tempo di lettura: 2 minuti
Il condominio dove si è consumata la tragedia

 

ROBBIATE – Uccide la madre a martellate nel giorno di Natale poi tenta di togliersi la vita. La tragedia si è consumata nella notte tra lunedì e martedì 25 dicembre, in via Enrico Fermi a Robbiate.

Vittima dell’omicidio è Luigia Mauri, 91 anni, ad ucciderla è stato il figlio, Marco Olginati, 65 anni, con diversi problemi alle spalle, ora ricoverato all’ospedale Manzoni di Lecco, nel reparto di Rianimazione, dopo aver tentato di togliersi la vita.

A dare l’allarme martedì mattina sarebbe stata un’assistente sociale che, presentandosi a casa dell’uomo e della donna, non avrebbe ricevuto risposta. Da qui, la richiesta di aiuto. Sul posto sono giunti i Carabinieri di Merate e Vigili del Fuoco che, una volta entrati nell’appartamento, hanno trovato la drammatica scena.

Stando alle informazioni emerse sembrerebbe che l’uomo, professore in pensione, già da tempo presentasse diversi problemi. Il vicinato racconta di due persone schive.

L’esatta dinamica dell’omicidio dovrà essere ora ricostruita dalle forze dell’ordine, anche se sembrano esserci pochi dubbi: l’ex professore avrebbe colpito ripetutamente la madre inferma mentre era a letto, per poi cercare di togliersi la vita.