Il Planetario di Lecco propone l’astronomia in inglese

Tempo di lettura: 1 minuto

Tre serate aperte a tutti con Deep Space

Venerdì 18, invece, appuntamento con Gabriele Ghisellini

LECCO – Astronomia in inglese. E’ la nuova proposta del Planetario di Lecco, già sperimentata con grande successo per le scuole, ma mai con il pubblico.

Si tratta di tre serate aperte a tutti: non è necessaria alcuna base di astronomia, è un percorso per “beginners” degli astri. Anche l’inglese sarà semplice, ma è ovviamente richiesta una conoscenza di base per poter seguire le spiegazioni.

Il corso è organizzato dal gruppo Deep Space, gestore del Planetario, in collaborazione con la scuola di inglese Wall Street English di Lecco. Il primo appuntamento, intitolato “Written in the stars: constellations and myths”, è previsto per lunedì 21 ottobre alle ore 18.45 (durata circa un’ora e un quarto). I relatori saranno Loris Lazzati e Karen Stephen. Gli altri due appuntamenti sono previsti per lunedì 18 novembre (“Exploring the Solar System”) e lunedì 9 dicembre (“To infinity and beyond”), sempre alle 18.45. Non c’è prenotazione né prevendita, basta presentarsi in biglietteria la sera stessa. Il prezzo, trattandosi di un’iniziativa speciale, è di 6 euro per tutti.

Prima dell’inizio dell’avventura in inglese ci sarà un appuntamento imperdibile venerdì 18, alle ore 21: Gabriele Ghisellini, astronomo dell’osservatorio di Merate, sarà il relatore della serata “La freccia del tempo”, dedicata a uno dei temi più sfuggenti, affascinanti e profondi: perché il tempo è unidirezionale, perché ha quella “velocità”, si può alterare? L’ingresso intero costa 6 euro, il ridotto 4.