L’edilizia lecchese decide lo stop per tutelare la sicurezza dei dipendenti

Tempo di lettura: 1 minuto

Piazza (ANCE): “Le imprese edili di Lecco e Sondrio si fermano”

La decisione per “tutelare la sicurezza dei loro dipendenti e contrastare il Coronavirus”

LECCO – “Di fronte al dilagare del Coronavirus, le imprese edili delle province di Lecco e Sondrio hanno assunto la difficile ma responsabile decisione di fermare la propria attività e chiudere i propri cantieri”.

Lo afferma il presidente di ANCE Lecco Sondrio Sergio Piazza che continua: “Non abbiamo voluto aspettare le decisioni di chi avrebbe dovuto assumerle ma ancora non lo ha fatto. Ci siamo mossi in autonomia. Del resto, il valore più grande delle nostre imprese è rappresentato dai nostri lavoratori. È alla sicurezza loro e delle loro famiglie che abbiamo pensato”.

“In attesa che siano messe in atto le garanzie e le tutele per i nostri dipendenti, siamo convinti di poter contribuire, con questa decisione forte dettata da responsabilità sociale e senso civico, a contenere la diffusione del Covid-19. – conclude Piazza – Ci auguriamo che, nel frattempo, chi ci governa sappia definire e attuare un piano integrato di interventi che consenta a tutto il settore delle costruzioni di rilanciarsi e, così facendo, di rimettere in moto l’economia del Paese”.