Coronavirus. Il messaggio del Soccorso Alpino: “Adesso è il tempo di fermarsi”

Tempo di lettura: 2 minuti
Foto Archivio

“Il Paese è in difficoltà, siate responsabili”

Anche il Soccorso Alpino impegnato nell’emergenza coronavirus

LECCO – Il messaggio del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Cnsas in questo momento di emergenza. Un invito a non andare in montagna non solo per evitare di contagiare gli altri o se stessi, ma anche per non rischiare, in caso di incidente, di mettere in crisi un sistema sanitario nazionale già molto provato e che oggi più che mai ha bisogno anche dei medici e degli infermieri del Soccorso Alpino

“Il Paese è in difficoltà: i medici e gli infermieri del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Cnsas sono impegnati insieme agli altri colleghi ad assistere migliaia di contagiati dal nord al sud Italia. Sapete bene che per effettuare un soccorso speleologico in grotta o un soccorso alpino in alta montagna dobbiamo impegnare decine di operatori, compreso il personale sanitario. Immaginate quindi le difficoltà a cui andremmo incontro in questo momento per effettuare un soccorso, un soccorso che naturalmente metteremmo in atto, ma che potrebbe innescare una delicata gestione post intervento.
Ci sarà tempo per scalare nuovamente una montagna, ci sarà tempo per esplorare di nuovo insieme una grotta.
Adesso però è il tempo di fermarsi. Il tempo di essere responsabili verso sé stessi, verso gli altri e verso l’Italia. Come è scritto nella Costituzione italiana: la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Dobbiamo difendere questi valori, dobbiamo salvaguardare i nostri medici, i nostri infermieri e l’Italia da un collasso del Servizio Sanitario Nazionale. Non vengono chiesti sacrifici immani, non viene chiesto di scalare una montagna da 3000 metri: viene chiesto di rimanere in casa per un breve periodo di tempo.
#iorestoacasa non è uno slogan, non è un hashtag per riempire i social ma un invito concreto a limitare al massimo gli spostamenti non necessari.
Ce la possiamo fare. Ce la faremo. Coraggio, Italia!”