Merate, posticipata la Tari. Annullate le rette del nido e il pagamento dello scuolabus

Tempo di lettura: 1 minuto

La Giunta ha deliberato martedì sul pagamento della tassa dei rifiuti

La prima rata della Tari posticipata a settembre. Annullate le rette dell’asilo nido e il pagamento dello scuolabus per il periodo di chiusura delle scuole

 

MERATE – Il pagamento della Tari slitta al 30 settembre. Lo ha deciso la Giunta nella riunione di ieri, martedì. La misura, annunciata già nei giorni scorsi come segno di vicinanza di fronte all’emergenza coronavirus, è stata portata in discussione dall’assessore alle finanze Alfredo Casaletto.

La delibera prevede di posticipare al 30 settembre la prima rata per il pagamento della Tari 2020, tassa per cui vengono individuate, esclusivamente per il 2020, solo due rate. La prima, appunto, con scadenza il 30 settembre e la seconda (e questa volta ultima) il 16 dicembre. Confermata la possibilità di corrispondere il pagamento in un’unica soluzione entro il 30.9.2020.

L’amministrazione comunale ha anche deciso di venire incontro alle famiglie con figli frequentanti l’asilo nido Girotondo e a quelle con studenti iscritti al servizio di trasporto pubblico annullando le rette. Lo spiega l’assessore: “Per quanto riguarda il nido abbiamo deciso di non far pagare la retta per il mese di marzo e per tutto il tempo in cui lo stesso resterà chiuso. Per quanto concerne l’ultima settimana di febbraio, (il nido è stato chiuso a partire dal 24 febbraio, ndr) la retta mensile tiene conto di una riduzione al 50%.Analogamente il trasporto scolastico non verrà pagato per il periodo di inattività del servizio”.