Spiagge a pagamento: Mandello avanti così, Abbadia per ora rinuncia

Tempo di lettura: 3 minuti

Tornate a pagamento la spiaggetta Falck e la Poncia di Mandello. Ad Abbadia invece i parchi restano gratuiti

Il sindaco Fasoli: “Così, la gestione dei flussi di utenti si è semplificata. Si tratta di una soluzione temporanea in attesa della riqualificazione dei giardini”

MANDELLO – Con l’estate ormai alle porte si stanno definendo con maggiore chiarezza le modalità di gestione delle spiagge sul litorale lariano. A Mandello, dopo la riapertura del Lido nel mese di aprile con ingresso gratuito,  già da sabato sono tornati a pagamento e delimitati dalle transenne la spiaggetta Falck e lo spazio della Poncia.

La spiaggetta Falck transennata

Una soluzione già adottata lo scorso anno e che resterà in atto fino al 19 settembre, funzionale a regolare l’accesso alle zone interessate e a far usufruire in sicurezza degli spazi, come spiega il sindaco di Mandello Riccardo Fasoli:

“Grazie a queste misure la gestione dei flussi di utenti balneari nel week-end si è semplificata. Chiaramente si tratta di un provvedimento temporaneo, in attesa dei lavori di riqualificazione dei giardini che cominceranno a ottobre con l’obiettivo di restituire all’area la sua funzione principale”.

Per usufruire della spiaggetta Falck o dello spazio della Poncia, il Comune ha fissato un contributo massimo di 5 euro richiedibile dal gestore che dovrà farsi carico delle spese di pulizia dell’area, controllo e gestione dei rifiuti. Prevista una percentuale del 2% che il gestore dovrà erogare al Comune a fine stagione, rendicontando le presenze effettive registrate.

Prevista invece gratuità per i residenti, per gli under 12 e gli over 65. Per quanto riguarda le regole da rispettare, valgono le stesse disposizioni vigenti al lido (dove l’accesso resta gratuito, con possibilità di noleggio a pagamento delle sdraio), in particolare è interdetto introdurre nell’area vetro, cibo e bevande.

Zona Poncia a Mandello

Rimane un nodo da sciogliere il posizionamento delle transenne, che al momento non rende godibile a cittadini e visitatori la passeggiata sul lago: “Quest’anno abbiamo deciso di chiudere l’accesso al camminamento in concomitanza del cannone per evitare ingressi irregolari nell’area, memori di quanto accaduto le scorse stagioni. Tuttavia, stiamo studiando una soluzione per sistemare le barriere in modo tale da consentire il passaggio a coloro che desiderano percorrere la camminata”, conclude Fasoli.

Il Sindaco di Abbadia: “Per ora parchi gratis, in attesa di sviluppi”

Parco Ulisse Guzzi ad Abbadia

Ancora non definite invece le modalità di fruizione dei parchi ad Abbadia, che per ora (al contrario degli ultimi due anni) restano fruibili liberamente senza alcun pagamento, come illustra il sindaco Roberto Azzoni:

“Al momento non ci sono novità, siamo in attesa di capire come si evolverà la situazione e in particolare aspettiamo di ricevere maggiori dettagli a livello normativo. L’accesso ai parchi pertanto rimarrà libero per tutti fino a nuovo ordine“.

A occuparsi delle aree interessate saranno come sempre i gestori dei chioschi, che rimarranno gli stessi ancora per qualche anno fatta eccezione per la struttura di Pradello: in autunno infatti è prevista una gara per aggiudicarsene la concessione in vista della prossima stagione estiva.