Il tribunale sospende l’esercizio provvisorio: piscine chiuse da oggi a Merate e Oggiono

Tempo di lettura: 3 minuti

Il tribunale ha ordinato oggi, venerdì, la cessazione dell’esercizio  provvisorio

Una doccia fredda per i tanti iscritti alle piscine di Merate e Oggiono chiuse improvvisamente da oggi

MERATE / OGGIONO – Doccia fredda per i tanti iscritti alle piscine di Merate e Oggiono gestite da Gesti Sport. E’ di pochi minuti fa la notizia della chiusura, con effetto immediato, dell’attività di tutti i centri natatori distribuiti nel territorio brianzolo gestiti dalla società. Il tribunale di Milano ha infatti ordinato, con provvedimento varato oggi, venerdì 7 gennaio, la cessazione dell’esercizio provvisorio inizialmente concesso a Gesti Sport dopo il pronunciamento del fallimento lo scorso 23 dicembre.

Scarno il comunicato firmato dal curatore fallimentare e postato sui social e affisso fuori dai cancelli del centro sportivo meratese di via Matteotti: “Si informa che con provvedimento in data odierna il Tribunale di Milano ha ordinato la cessazione dell’esercizio provvisorio. Con effetto immediato viene pertanto cessata l’attività di gestione da parte di Gestisport s.c.s.d”.

Una notizia brusca e inattesa che sta creando incertezza e preoccupazione tra i tanti abbonati, rimasti senza la possibilità di continuare ad accedere ai corsi e alle attività previste da Gesti Sport nel periodo cuscinetto dell’esercizio provvisorio.

La situazione a Merate

Una chiusura improvvisa destinata quindi a sparigliare anche le carte del percorso iniziato dall’amministrazione comunale di Merate, proprietaria degli immobili della piscina, che proprio in questi giorni aveva iniziato a prendere contatto con operatori del settore interessati a capire le condizioni del subentro nella gestione dell’impianto. Si pensava di riuscire a ragionare a impianto aperto, ma la decisione odierna del tribunale ha cambiato improvvisamente gli scenari. E’ lo stesso sindaco a precisare: “Sono stato informato nella tarda mattinata di oggi dal curatore fallimentare dottor Mario Candiani dell’immediata cessazione dell’esercizio provvisorio inizialmente concesso per tre mesi dal Tribunale di Milano a seguito del fallimento della società Gestisport, già dichiarato con sentenza del 23/12/2021. L’impianto è stato pertanto chiuso, nostro malgrado, con decorrenza immediata”. Panzeri sottolinea: “L’Amministrazione comunale era già alacremente al lavoro per individuare un nuovo soggetto gestore fin dalla comunicazione della sentenza di fallimento. Da oggi lo sarà ancora di più, auspicando di poter riaprire il centro nel più breve tempo possibile. Purtroppo, la repentina decisione del Curatore fallimentare ha colto di sorpresa noi come anche i colleghi sindaci degli altri impianti coinvolti nel fallimento (ben 9) con alcuni dei quali mi sono confrontato in questi giorni condividendo le preoccupazioni per il destino di questi centri”.

Non solo. “Siamo perfettamente consapevoli del disappunto e dei disagi che ciò arrecherà alle migliaia di utenti ed ai lavoratori coinvolti cui garantiamo massimo impegno e determinazione nella risoluzione della problematica”.

La situazione a Oggiono

“E’ sicuramente una vicenda spiacevole, per i cittadini e anche per i lavoratori della struttura – sottolinea il sindaco di Oggiono, Chiara Narciso – Prima di Natale sembrava confermata la continuità per i prossimi tre mesi, ci eravamo sentiti su questo con il direttore Consonni, e invece la notizia giunta in mattinata è di tutt’altro avviso”.

“A differenza di altre realtà, come Merate, il nostro Comune non è direttamente interessato perché la proprietà dello stabile è privata – titolare dell’immobile è l’Alberghi Briantei Srl – ma la chiusura degli impianti è un danno per tutti e ci stiamo però muovendo per quanto possibile con la proprietà e il curatore per capre quali possono essere le prospettive future”.