L’investimento è stato effettuato in parte tramite bando regionale e in parte dall’Ars

Trabucchi: “Ottimo lavoro di squadra di tutti gli attori coinvolti”

LA VALLETTA BRIANZA – “Il tiro vincente non è quello di chi fa goal, ma è tutto il gioco di squadra che viene prima che permette a chi segna di avere la palla al momento giusto”.

Taglio del nastro affidato a due bambine

E’ partita da questa similitudine, giustamente di stampo calcistico, mutuata dal libro di don Alessio Albertini, prossimo ospite in paese in occasione del premio idealità, il sindaco Roberta Trabucchi nell’inaugurare sabato pomeriggio il nuovo campetto a 7 in sintetico allo stadio Idealità di Rovagnate.

Sinergia tra enti e associazioni

Il primo cittadino ha infatti ribadito il lavoro svolto in sinergia tra Comune, Ars, parrocchia e Regione per arrivare a impreziosire e rendere ancora più accogliente la struttura sportiva dell’Ars. “Di fatto l’amministrazione comunale fa svolto il ruolo di stazione appaltante per accedere al bando regionale relativo agli impianti sportivi. Inizialmente avevamo elaborato un progetto suddiviso in tre lotti. Uno relativo alle nuove panchine per il campo a 11, uno per il sintetico del campetto a 7 e l’altro relativo al campetto da basket. La Regione ci ha dato un contributo inferiore rispetto a quanto chiesto in origine e così abbiamo stralciato l’ultimo lotto, concentrandoci sui primi due”.

Dalla Regione un contributo di 87.600 euro

Dal Pirellone sono giunti 87.600 euro mentre l’Ars ha provveduto, di propria tasca, a coprire il resto dell’intervento stanziando 37.400 euro. Già pronto da diverso tempo, il campetto a 7 finalmente rivestito dall’erba sintetica (al posto del vecchio sterrato) è stato battezzato ufficialmente sabato in occasione della visita a La Valletta degli amici di Alba. Presenti, oltre al sindaco, gli assessori Pierantonio Cogliati e Paola Panzeri, il presidente dell’Ars Giovanni Colombo e il suo predecessore Vittorio Colombo. I dirigenti Ars e i loro amici di Alba si sono poi affrontanti in una sfida all’ultimo goal e, alla fine, cassoela per tutti.