Merate, al via il cantiere per la nuova palestra delle scuole medie

Tempo di lettura: 2 minuti

Intervento molto atteso dalle scuole visto che l’attuale palestra è inagibile dalla primavera del 2019

L’accesso al cantiere avverrà da via Rondinella. Il sindaco: “Cercheremo di limitare i disagi per chi si reca in posta o alla scuola dell’infanzia di via don Perego”

MERATE – Verrà allestito settimana prossima il cantiere per la realizzazione della nuova palestra delle scuole. Questa mattina, giovedì, il sindaco Massimo Panzeri, delegato ai lavori pubblici, incontrerà il direttore lavori individuato dall’impresa Bonacina di Galbiate che ha vinto l’appalto per mettere a punto un piano per coordinare e conciliare, soprattutto dal punto di vista logistico, l’attività del cantiere con quella delle scuole e delle attività che gravitano intorno alla palestra del Collegio Manzoni.

L’attuale palestra inagibile da aprile 2019

La palestra del Collegio Manzoni, ormai inagibile

L’area infatti è stretta e racchiusa nel cuore della città, tanto da non essere facilmente raggiungibile da mezzi pesanti e dai macchinari utilizzati solitamente dalle imprese edili. Una questione, quest’ultima, che era già stata sollevata da alcune ditte che, nei diversi bandi pubblicati dal Comune prima di trovare un vincitore, avevano chiesto all’amministrazione comunale di rivedere, al rialzo, il prezzo della base d’asta proprio per tenere conto di queste criticità logistiche.

Dopo un lungo iter, in cui si sono succeduti un appalto vinto e poi rescisso quando, all’inizio del 2019, era ancora sindaco Andrea Massironi e diversi bandi andati a vuoto, si è arrivati finalmente, grazie a una procedura negoziata su invito, all’assegnazione dell’incarico a novembre e si è ora pronti per partire con i lavori.

Accesso al cantiere da via Rondinella

“L’accesso al cantiere avverrà da via Rondinella, comportando anche l’occupazione di una parte dei parcheggi dell’area Cazzaniga” spiega il sindaco, ben sapendo come la zona sia cruciale per la presenza dell’ufficio postale e della scuola dell’infanzia don Angelo Perego. “Penso che la fase più delicata sia proprio quella iniziale in cui bisognerà demolire l’attuale palestra, inagibile da più di un anno. Dopodiché i lavori di costruzione di quella nuova dovrebbero comportare meno disagi al tessuto intorno”.

L’impresa Bonacina aveva vinto la gara presentando un’offerta al ribasso  di poco più del 6% sull’importo dei lavori a base d’asta fissato in 1.186.201 euro di cui 1.146.201 euro per opere a base d’asta e 40mila euro per oneri della sicurezza.