MERATE – Le ormai classiche poesie appese ai tronchi degli alberi di via Baslini e una serata di lettura in più lingue promossa insieme al comitato gemellaggi. Merate ha deciso di celebrare così la giornata mondiale della poesia, festeggiata in tutto il mondo il 21 marzo. Da questa mattina, martedì, i meratesi possono già imbattersi, in centro, nei foglietti svolazzanti con riportate le parole intramontabili dei più grandi poeti della storia della letteratura.

Uno dei foglietti appesi ai tronchi di via Carlo Baslini

Da Garcia Lorca ad Alda Merini, passando per, solo per citarne alcuni, Antonia Pozzi e Umberto Saba, senza dimenticare anche le filastrocche dedicate ai bambini. Appese grazie alla collaborazione dei volontari della Pro Loco, le poesie resteranno… a disposizione dei passanti per alcuni giorni.

Via Baslini

“L’obiettivo è quello di cercare di coinvolgere la cittadinanza, sensibilizzandola all’argomento” puntualizza l’assessore con delega alla Cultura Federica Gargantini.

Mercoledì 20 marzo, letture di poesie in più lingue

Domani, mercoledì, l’auditorium da poco intitolato a Giusi Spezzaferri, ospiterà la lettura di poesie in più lingue. L’iniziativa, in programma a partire dalle 20.30, è stata proposta dal comitato gemellaggi e vedrà protagonisti alcuni studenti del liceo Agnesi e dell’istituto Viganò impegnati nella lettura in diverse lingue straniere di alcune poesie. Al pubblico verrà fornito un foglietto contenente la traduzione dei testi, mentre gli studenti reciteranno in lingua originale. La serata sarà impreziosita dalla partecipazione del coro di voci bianche Merate Academy dell’associazione Suono Antico di Merate.