Merate, salgono a 262 gli aderenti al controllo di vicinato. Approvato in Giunta il Protocollo

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Protocollo del controllo di vicinato verrà sottoscritto nei prossimi giorni in Prefettura

Boom di adesioni dalla frazione di Cassina, bersagliata dai ladri nelle ultime settimane: in pochi giorni 104 iscritti

MERATE – Approvato in Giunta il protocollo del controllo di vicinato che verrà poi sottoscritto nei prossimi giorni in Prefettura dal sindaco Massimo Panzeri e dal Prefetto Castrese De Rosa. Un atto formale che, pur non cambiando nulla nella pratica, istituzionalizza la presenza del controllo di vicinato a Merate, attivo in città dal 2018. Il primo gruppo era infatti sorto nella frazione di Brugarolo dove i cittadini erano stanchi, sconfortati ed esasperati dai continui furti. Un’adesione, quella della frazione più a sud della città, a cui era poi seguita quella di Novate, viale Verdi, Sartirana e ora Cassina, dove in pochi giorni si sono iscritti già 104 persone.

Una frazione, quest’ultima, insieme a Sartirana, in cui  si sono registrati diversi furti e tentativi di furti nelle ultime settimane tanto da portare i parlamentari della Lega a presentare un’interrogazione al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per chiedere interventi e risorse per contrastare il fenomeno. Complessivamente il controllo di vicinato di Merate conta 262 aderenti, suddivisi in 27 gruppi e 23 coordinatori ufficiali, coordinati a loro volta dal referente Cristian Bellenzier.

“Nel protocollo che andremo a sottoscrivere in Prefettura vengono precisati i compiti di ogni parte in campo – precisa il primo cittadino -. E viene ribadito che il controllo di vicinato è un supporto e non una sostituzione alle forze dell’ordine, invitando alla promozione di incontri per informare sulle buone pratiche da tenere per scongiurare il verificarsi di episodi di furti o di truffe. In questo momento di emergenza sanitaria non possiamo organizzare questi eventi, ma torneremo a farlo non appena sarà possibile, convinti dalla bontà di queste iniziative”.