Olgiate, parcheggio nel giardino della scuola: sondaggio tra i genitori

    Tempo di lettura: 3 minuti

    Segnali di apertura da parte della Giunta dopo il faccia a faccia con alcuni genitori: i 1° giugno ci sarà un sondaggio

    Mamme e papà potranno esprimersi liberamente in merito al progetto che prevede l’eliminazione di una fetta di verde in favore di nuovi posteggi

    OLGiATE MOLGORA – Parcheggio all’interno del giardino della scuola primaria: dopo la petizione on line No parking e l’interrogazione in consiglio comunale da parte della minoranza, la parola passerà ora direttamente ai genitori. E’ questo l’importante risultato raggiunto da un gruppo di genitori che nei giorni scorsi ha incontrato il sindaco Giovanni Battista Bernocco e l’assessore all’Istruzione Paola Colombo per manifestare le proprie perplessità in merito alla realizzazione di una dozzina di parcheggi all’interno del giardino della scuola primaria Manzoni.

    Il 1° giugno un banchetto a scuola per raccogliere favorevoli e contrari

    Il faccia a faccia ha fatto registrare un segnale di apertura da parte della Giunta disponibile a dare vita a un sondaggio tra i genitori che si concretizzerà con l’allestimento, da parte degli stessi genitori, di un banchetto, sabato 1° giugno, in occasione dei giochi della gioventù, nell’atrio della scuola.

    Il sindaco Giovanni Battista Bernocco

    Mamme e papà i cui figli frequentano il plesso di viale Sommi Picenardi potranno esprimere democraticamente la propria opinione in merito al progetto con una firma a favore o contro l’intervento che l’amministrazione comunale vorrebbe portare avanti per mettere in sicurezza l’accesso alla scuola, congestionato dalle troppe auto. In questo modo si potrà raccogliere l’opinione di chi ogni giorno si reca, a piedi, o in macchina, alla scuola di via Sommi Picenardi per accompagnare i propri figli.

    Il faccia a faccia con sindaco e assessore

    “Abbiamo incontrato il sindaco per capire se si potesse avere un’alternativa al parcheggio, cercando insieme a lui delle soluzioni – fanno sapere le mamme che hanno incontrato i rappresentanti dell’amministrazione comunale -.Questo perché vorremmo evitare di sacrificare uno spazio verde che utilizzano i bambini, ben sapendo che per asfaltare si fa sempre in tempo”. Da qui l’idea di raccogliere le firme durante la giornata, solitamente molto partecipata anche dalle famiglie, in cui si svolgeranno i giochi studenteschi: “Saremo a disposizione anche degli altri genitori per fornire spiegazione in merito a quanto è stato discusso con il sindaco, che si è dimostrato aperto e attento al confronto”.

    Bernocco: “La nostra priorità è la sicurezza”

    Così come già ribadito durante il consiglio comunale, nel corso del quale era stata discussa l’interrogazione della minoranza, Bernocco ha sottolineato come la sua priorità è quella di mettere in sicurezza e tutelare l’incolumità dei bambini che si recano a scuola. Ogni mattina o ogni pomeriggio al termine delle lezioni il parcheggio di viale Sommi Picenardi viene invaso delle auto che spesso e volentieri parcheggiano in doppia fila o sui marciapiedi, creando caos e disordine nonché bloccando e impedendo l’arrivo dei pullman.

    Il parcheggio davanti alla scuola primaria invaso dalle auto

    “Siamo convinti anche noi che una soluzione vada trovata, ma chiediamo di pensarci bene prima di asfaltare una parte di giardino che verrebbe per sempre sottratta ai nostri bambini”. La parola passa ora quindi direttamente alle famiglie che potranno indicare la propria preferenza tra il mantenimento della situazione attuale e l’ipotesi alternativa che prevede di sacrificare una parte di verde in favore di nuovi parcheggi per le auto.

    Soddisfatto anche il sindaco Bernocco

    Soddisfatto del punto di convergenza trovato con i genitori si è dichiarato anche il sindaco Giovanni Battista Bernocco. “Da parte nostra c’è la piena disponibilità a confrontarci e a collaborare perché grazie a questo incontro con i genitori è stata superata e messa da parte la piega politica che questa vicenda aveva purtroppo preso. Le opinioni che ci verranno restituite attraverso il sondaggio tra i genitori saranno chiaramente tenute in considerazione per la decisione finale che verrà presa dall’amministrazione comunale”.