L’Italia nel Bicchiere. Pinot Grigio un vino tutto da riscoprire

Tempo di lettura: 5 minuti

RUBRICA – Cari amici, ho da poco ricominciato i miei “banchi d’assaggio”, che sono la mia fonte d’ispirazione, e riprendo a parlarvi di vino dopo un periodo “sabbatico” piuttosto lungo che ha suscitato un minimo di preoccupazione a chi  è interessato a questa rubrica.

Lo faccio un po’ in controtendenza ricominciando dal Pinot grigio, un’uva internazionale, che in passato è stata molto in voga, ma che recentemente sembrava finita nel dimenticatoio perché l’interesse maggiore si è di gran lunga rivolto ai vitigni autoctoni.

Innanzi tutto il Pinot grigio è un uva rossa, deriva infatti da una mutazione genetica del Pinot nero, ed è originario della Borgogna.
In Italia si è ampiamente diffuso, soprattutto nel periodo post-fillossera, nel Triveneto in molti casi a scapito di specie territorialmete più vocate.
In Europa è diffuso anche in Francia (Tokay-Pinot gris d’Alsace), in Germania e Austria (Rulander) e in Ungheria (Szurkebarat)
Qui da noi è stato molto di moda soprattutto negli anni 70/80 vinificato nella versione “ramato”, con un leggero contatto delle bucce durante la fermentazione che gli conferisce questa particolarissima tonalità. A tal proposito ricordo persino il periodo della “naja” negli alpini, che sono da sempre esempio di generosità ma anche protagonisti di generose bevute, e il Pinot grigio “ramato” del Collio Goriziano era in assoluto il più gettonato. In pochi anni questa versione è letteralmente scomparsa, lasciando il posto al prodotto realizzato con la totale vinificazione in bianco, perdendo piano piano la sua  originalità accomunandosi ad una miriade di altri prodotti similari.

Recentemente diversi produttori, soprattutto Friulani, hanno pensato bene di ridare visibilità ad un vino, in caduta libera soprattutto sul mercato interno, con il ritorno alla versione “ramato” o il miglioramento della versione in bianco utilizzando le più  moderne tecniche di vinificazione ed affinamento.
Sono comparse anche numerose versioni di “ramato biodinamico” ma in questo campo ho giurato di non esprimere giudizi perché,  dopo tanti anni d’esperienza, non riesco ancora a capire cosa  è “particolare” (sempre) e cosa è “piacevole” (quasi mai).

Veniamo al sodo: il pinot grigio è un vino fruttato, equilibrato ed elegante, non particolarmente longevo e non ama l’eccessiva presenza dei sentori delle botti di rovere. Con la macerazione delle bucce emergono anche lievi note di piccoli frutti rossi e un minimo di astringenza.
Come ho già accennato in precedenza la terra di elezione per questo vitigno è il Friuli, soprattutto Collio e Isonzo, ma ho  assaggiato ottimi pinot grigio anche di altre provenienze come Il Pinot Grigio S.Antimo di Col D’Orcia o il Pinot Grigio “Aristos” Cantina Valle Isarco.
Tra i Friulani recentemente degustati mi son piaciuti il “ramato” di Di Lenardo e quelli di Vistorta e Altùris nella fascia sotto gli 8 euro,  e poi Colutta e Ronco del Gelso nella fascia intermedia.
Stupefacente è stata la comparativa, che poi mi ha spinto a parlarvi del pinot grigio, fra il “Dessimis” vinificato ramato di Vie de Romans ed il “Gris” vinificato bianco di Lis Neris 2013: tanto diversi quanto eccellenti. Entrambi eleganti, decisamente strutturati, giusta  presenza del legno in cui sono stati affinati, potenziale tenuta
ancora per qualche anno , per cui un esempio di finezza, complessità e potenza.

Per ciò che concerne gli abbinamenti, un buon pinot grigio lo vedrei  bene sui primi piatti, soprattutto risotti vegetariani e paste ripiene. Come abbinamento di territorio vedrei bene un P.G. Friulano col  prosciutto di S.Daniele e arriverei alle carni bianche come  ad esempio un vitello tonnato.
Per la cronaca con i due Pinot grigi comparati in precedenza, il buon Christian della salumeria Filet mi ha affettato una pancetta di Sauris da “maiale pesante” davvero da urlo!

Assaggiare per credere… e scusate il ritardo
Roberto Beccaria

[clear-line]

ARTICOLI PRECEDENTI

12 dicembre – “L’Italia nel bicchiere”. Natale a tavola: ecco quali vini scegliere

15 novembre – L’Italia nel bicchiere. Il mondo degli “uvaggi” e le sue eccellenze

18 ottobre – L’Italia nel bicchiere. I vini dell’Etna, un’eruzione di bontà

26 settembre – “L’Italia nel bicchiere”. Lagrein, dall’Alto Adige un “Signor” rosso

7 settembre – L’Italia nel bicchiere. Una carrellata di vini bianchi italiani tutti da scoprire

13 agosto – L’Italia nel bicchiere. Grigliata di Ferragosto? Ecco che vini abbinare

18 luglio – L’Italia nel bicchiere. Un vino per l’estate? Il Lugana

28 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. Al Griso con Popo Mojoli per un viaggio (di)vino

7 giugno – L’Italia nel bicchiere. Un’escursione tra i vini della Valtellina

21 maggio – “L’Italia nel Bicchiere”. Oggi si stappa il Sauvignon blanc

22 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. I bianchi della Valle Isarco

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. Merlot: uva straordinaria e internazionale

15 marzo – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dei vini di Sardegna

17 febbraio – L’Italia nel Bicchere. Spazio ai vini rossi frizzanti!

20 gennaio – L’Italia nel bicchiere. L’Aglianico, il “Nebbiolo del Sud”

4 gennaio – “L’Italia nel bicchiere”. Il Moscato d’Asti a fermentazione naturale

 

2015

9 dicembre – Feste vicine, qualche suggerimento “da bere”

5 novembre – L’Italia nel bicchiere. Alla scoperta dell’ottimo Montepulciano

16 ottobre – L’Italia nel Bicchiere. Vitigni e vini del meraviglioso Friuli

30 settembre – L’Italia nel bicchiere. Meglio l’Amarone o lo Sfurzat?

15 settembre – L’Italia nel bicchiere. Un viaggio tra i Supertuscans

2 settembre – L’Italia nel bicchiere. Scopriamo lo Chardonnay: l’uva più coltivata al modo

30 luglio – “L’Italia nel bicchiere”. Scopriamo gli abbinamenti vino – formaggio

17 giugno – “L’Italia nel bicchiere”. “Garganega: un gioiello di uva”

3 giugno – L’italia nel Bicchiere. Spezziamo una lancia a favore dei Rosati

24 maggio – L’italia nel Bicchiere. Viaggio tra i vini bianchi dell’Alto Adige

9 maggio – L’Italia nel bicchiere. Viaggio in Toscana alla scoperta del Chianti

21 aprile – “L’Italia nel bicchiere”. Parliamo di Barbera o, meglio, de’ La Barbera

1 aprile – L’Italia nel bicchiere. il Primitivo e il Negroamaro

26 marzo – L’Italia nel bicchiere. “Bollicine” italiane

24 febbraio – Viaggio nel mondo dei Passiti

13 febbraio – Il riscatto dei “Vitigni Poveri”

27 gennaio – Oggi con Roberto Beccaria parliamo del Nebbiolo

16 gennaio – Vino protagonista. “L’Italia nel bicchiere”, nuova rubrica di Roberto Beccaria