Punti tamponi, si cerca di allargare il servizio a Lago e Valsassina

Tempo di lettura: 2 minuti

Nuovi punti per tamponi rapidi, individuati due spazi a Bellano e a Barzio

A Lecco e a Merate si potrebbe ampliare al pomeriggio il servizio dei presidi già istituiti

LECCO – La richiesta della popolazione non manca e nemmeno la disponibilità di diversi medici di famiglia sul territorio che si stanno mobilitando insieme alle amministrazioni comunali per individuare luoghi idonei all’attività: così la rete dei punti tampone ‘rapidi’ potrebbe allargarsi ad altri Comuni.

Al momento sono in funzione solo due presidi a Lecco (il drive through al Bione) e a Merate (a Villa Confalonieri) dedicati al momento solo al mondo scolastico, oltre all’ospedale di Lecco che esegue il tampone molecolare ai casi segnalati da ATS.

Il servizio potrebbe essere incrementato grazie alla disponibilità dei medici di base della cooperativa Cosma che si sono attivati autonomamente con i Comuni. A Lecco si è proposta l’opportunità di ampliare al pomeriggio l’attività dell’attuale punto tamponi al Bione, alla mattina operativo per i tamponi a studenti e docenti, e destinarlo in fascia pomeridiana alla cittadinanza.

Il punto tamponi allestito al Bione

Lo stesso si farebbe a Merate nei locali del Centro di Aggregazione Giovanile di Merate (le scuderie di Villa Confalonieri) già attivo alla mattina per i tamponi agli utenti scolatici.

L’ipotesi è quella di proporre due punti tampone anche nella zona del lago e in Valsassina. Il Comune di Bellano ha già dato disponibilità in tal senso: “Metteremmo a disposizione spazio e volontari per organizzare un presidio – fa sapere l’assessore comunale Jessica Vanelli – almeno uno dei nostri medici di base si è detto disposto ad effettuarli ed ha già ricevuto le prime dotazioni di tamponi”.

Il punto tamponi a Merate

Il luogo individuato dal Comune di Bellano è il Circolo dei Lavoratori in via Plinio, in questi giorni attrezzato per effettuare le vaccinazioni anti-influenzali: “Attendiamo indicazioni operative da Ats” conclude l’assessore.

In Valsassina, invece, i medici hanno trovato la disponibilità del Comune di Barzio: in questo caso si potrebbe realizzare un drive through simile a quello del Bione a Lecco e l’area scelta a Barzio è il piazzale in prossimità del palazzetto dello sport.

“Abbiamo già fatto un sopralluogo nei giorni scorsi con i medici – spiega il sindaco Giovanni Arrigoni Battaia – e ora stiamo attendendo un loro piano per l’allestimento dell’area”.