Sci di fondo. Una stagione ricca di aspettative per Laura Colombo

Tempo di lettura: 2 minuti
Laura Colombo in allenamento sugli skiroll

La fondista valsassinese dell’Esercito si racconta

“L’obiettivo di quest’anno è riscattarmi dalla scorsa stagione”

LIVIGNO – L’abbiamo raggiunta al telefono durante uno stage di allenamento. Laura Colombo, valsassiense di Primaluna, arruolata da qualche anno nel Cs Esercito come atleta dello sci nordico e dello ski roller, ha risposto volentieri ad alcune domande sulla preparazione in vista della stagione agonistica alle porte. Anche lei come Anna Rossi, ha iniziato sin da piccola a muovere i primi passi sulla pista di casa, quella delle Grigne a Cortabbio, mettendosi in luce per le sue doti e sognando di diventare un giorno un’atleta professionista, sogno che si è avverato alcuni anni fa col suo arruolamento nel Cs Esercito dopo aver disputato tutte le categorie giovanili nello Sc Primaluna.

Innanzitutto Laura come stai?
“Sto bene, mi sento più pronta rispetto agli anni passati, sono consapevole di aver lavorato bene e la voglia di mettermi in gioco è tanta”.

Come ti sei allenata fino ad ora e, soprattutto, adesso che per Covid-19 ci sono nuove limitazioni?
“Vista la situazione, abbiamo svolto il primo raduno solo a fine luglio. Col Centro Sportivo Esercito abbiamo iniziato ad allenarci in gruppo ma sempre rispettando le regole che ci sono state date. Sono molto soddisfatta del lavoro dell’estate, mi sono allenata bene e in tranquillità, senza pressioni e soprattutto divertendomi. Sono molto felice del gruppo di lavoro che si è creato, ho avuto la fortuna di potermi allenare con Elisa Brocard, atleta azzurra di coppa del mondo, è stata da stimolo per tutti e di grande esempio soprattutto per noi più giovani. Quest’anno sono riuscita a dare attenzione a tante piccole cose che prima trascuravo, ho capito che arrivati a un certo livello, sono davvero quei minimi dettagli che, se curati, possono fare la differenza”.

Obiettivi?
“L’obiettivo principale di quest’anno è riscattarsi dalla scorsa stagione, è stata la più difficile finora, sia mentalmente che fisicamente. L’obiettivo più concreto da centrare sono i mondiali Under 23 di Vuokatti (Finlandia), difficili ma non impossibili, devo riuscire a far fruttare tutto il lavoro svolto”.

Speranze?
“La speranza più grande ovviamente è che la stagione possa svolgersi regolarmente, anche se penso che mai come in questo momento sia fondamentale stare attenti e rispettare le regole che ci vengono date: la salute viene prima di tutto e il momento di mettersi in gioco prima o dopo ci sarà, quindi bisogna stare concentrati senza fasciarsi la testa”.

Prime gare?
“Ancora non si sa con precisione quando ci saranno, alcuni appuntamenti sono già fissati ma è tutto da vedere, per ora stiamo continuando ad allenarci tenendoci sempre pronti; alcuni confronti ci sono già stati e le sensazioni che ho avuto sono buone, ho acquistato fiducia in me stessa, sono consapevole che c’è ancora tanto da lavorare ma so su cosa devo impegnarmi per migliorare”.