Oggiono. Treno troppo pieno, studenti restano a piedi. I genitori: “Così non va bene”

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ successo questa mattina, lunedì, in stazione a Oggiono sulla linea del Besanino

“Mio figlio ha dovuto prendere quello dopo ed è arrivato in ritardo in classe. Perché non aggiungere qualche carrozza a quel convoglio?”

OGGIONO – Il treno arriva in stazione già pieno (o meglio con la capienza Covid già satura) e diversi studenti sono costretti a prender quello dopo facendo le corse per arrivare a scuola.

E’ successo questa mattina, lunedì, in stazione a Oggiono dove il treno regionale numero 10450 della linea  Como – Lecco, è arrivato in stazione avendo praticamente già raggiunto la soglia massima di capienza prevista in base alle normative anti Covid. Gli studenti, diretti a Lecco, sono stati invitati a prendere il convoglio successivo delle 7.25 che arriva a Lecco alle 7.46.

“Peccato però che il treno non sia arrivato puntuale a capolinea e così mio figlio sia arrivato in classe in ritardo” puntualizza Claudia Fumagalli, il cui figlio frequenta un istituto superiore a Lecco. “Mi chiedo perché non sia possibile aggiungere una o due carrozze al convoglio in modo da poter superare questo problema che si è già proposto settimana scorsa. Se il treno arriva già pieno a Oggiono, non so come possano fare gli studenti che salgono alle stazioni successive di Sala al Barro e Valmadrera”.

Dal canto suo Trenord puntualizza di aver investito, e molto (a livello lombardo, 1 milione e 27mila posti a sedere – circa 20mila in più rispetto al 2019 – su linee e orari a maggiore frequentazione per un totale di 2150 corse su treno), sul potenziamento dei convogli ferroviari in vista della ripartenza dell’anno scolastico, seguendo anche le direttive emerse dal tavolo di coordinamento del trasporto pubblico locale e scuole che ha visto le Prefetture (nel nostro caso, quella di Lecco) in cabina di regia. E la prova sarebbe la presenza in tabellone di tre corse nella fascia compresa tra le 7 e le 8 (nello specifico 7.14, 7.25 e 7.50 con arrivo a Lecco rispettivamente alle 7.32, 7.46 e 8.05).

Quanto alla possibilità di aggiungere carrozze al treno più gettonato dagli studenti la società che gestisce il trasporto ferroviario lombardo rimarca l’impossibilità di cambiare la composizione dei convogli proprio per via del gran lavoro di potenziamento delle linee svolto per far fronte alla ripresa in sicurezza dell’attività scolastica. Impossibile, sempre stando a Trenord, anche pensare di istituire una linea bus sostituiva, dato il livello di traffico su gomma nella nostra provincia.