La Resegup 2020 alza bandiera bianca, gara annullata per coronavirus

Tempo di lettura: 2 minuti

Dalla 2Slow: “Purtroppo è ufficiale. Siamo rammaricati ma è la decisione giusta”

La proposta di solidarietà: “Doniamo le quote di iscrizione per aiutare i nostri ospedali”

LECCO – Ci hanno sperato fino all’ultimo, ma purtroppo anche gli organizzatori della Asd 2Slow si sono dovuti arrendere all’emergenza coronavirus. Con tanto rammarico, però, lo staff è stato costretto a prendere la decisione più sofferta di tutte: quest’anno la ResegUp non si correrà.

Anche la skyrace simbolo di Lecco, in programma il 6 giugno, è stata annullata. L’ufficialità giunge direttamente dalla 2Slow: “A seguito dell’emergenza sanitaria in corso nel nostro Paese e delle conseguenti restrizioni a cui siamo tutti sottoposti abbiamo deciso, dopo attente valutazioni e non senza rammarico, che l’11^ edizione della ResegUp non si terrà”.

L’associazione sportiva guidata dal presidente Paolo Sala ha deciso di permettere agli atleti che lo vorranno di avere il rimborso di una parte della quota di iscrizione (nella misura di 30 euro) inviando una formale richiesta entro mercoledì 15 aprile (per le modalità visitare il sito www.resegup.it).

“Siamo però convinti che il sentiero su cui correre in questi tempi sia quello della solidarietà e della beneficenza – fanno sapere gli organizzatori – per questo motivo abbiamo deciso, considerata l’emergenza che tocca tutti noi da vicino, di devolvere le quote di iscrizione che non verranno richieste a sostegno della lotta contro il coronavirus. Devolveremo la somma alla Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus a sostegno dell‘Asst di Lecco che gestisce i presidi ospedalieri di Lecco e Merate con la campagna #aiutiamoci e alla Croce Rossa di Lecco che da anni collabora con noi all’assistenza alla gara”.

“Appena sarà possibile – concludono dalla 2Slow – organizzeremo la consegna del pacco gara realizzato con Ande agli atleti, alla presenza degli sponsor e dei volontari. Questo per non perdere i contatti, per incontrarci e lanciare con ancora più entusiasmo l’edizione 2021 della nostra gara. Restiamo a casa e corriamo verso la beneficenza. Grazie a tutti“.