Italia Viva. Antonio Rusconi proposto coordinatore, ma c’è chi si oppone

Tempo di lettura: 2 minuti
Il sindaco Antonio Rusconi

Dopo le dimissioni di Panzeri, proposto Antonio Rusconi alla guida di Italia Viva

La scelta solleva malumori nel partito, Ventrice: “Ancora una volta Lecco-centrici”

LECCO – Si va verso un cambio di vertice in Italia Viva Lecco: nei giorni scorsi Marco Panzeri, coordinatore provinciale del partito renziano insieme a Giulia Vitali, ha deciso di fare un passo indietro per motivi di lavoro e di impegno amministrativo come sindaco di La Valletta Brianza.

A prendere il suo testimone potrebbe essere Antonio Rusconi, ex senatore e sindaco di Valmadrera, proposto a maggioranza dagli altri referenti del gruppo politico nell’incontro che si è svolto mercoledì sera alla presenza di Mauro del Barba, riferimento regionale del partito di Renzi.

Una scelta che però ha già creato dei malumori. Giacomo Ventrice, coordinatore del comitato civico di Merate, non le manda a dire e parla di una decisione che “non porta linfa nuova a Italia Viva. Sia chiaro, nulla di personale nei confronti di Rusconi, ma penso che il nostro partito dovesse esprimere un candidato più innovativo. Non vorrei che finissimo per essere una corrente del Pd”.

Ma non è solo la lunga carriera politica di Rusconi a far storcere il naso a Ventrice: in ballo c’è anche una questione di equilibri geopolitici in una provincia  dove la contrapposizione tra Lecco e Merate, è, da sempre, molto forte.

“Perdiamo Marco Panzeri che era una rappresentanza della Brianza in nome dell’ennesimo volto lecchese. Mi chiedo che attenzione potrà prestare a temi importanti e fondamentali per la parte sud della Provincia come il futuro dell’ospedale di Merate, Retesalute, l’inquinamento atmosferico e la viabilità”.

Un giudizio netto che vuole essere visto come un contributo e uno stimolo a una riflessione interna: “Io sono e resto in Italia Viva perché sono, innanzitutto, un renziano” conclude.

Rusconi: “In troppi hanno fatto il mio nome, io avrei evitato”

“Francamente ho fatto di tutto per evitarlo, ci è stato chiesto chi fosse disponibile e in troppi hanno fatto il mio nome – fa sapere Antonio Rusconi che non vuole rispondere direttamente a Ventrice – Ho dato la mia disponibilità fino alle elezioni nell’affiancare Giulia Vitali ma non sono ancora coordinatore, sono stato solo proposto, la designazione sarà decisa a Roma da Ettore Rosato”.

“Quindi non ho nulla da dire, credo che, tra tutte le difficoltà che ci troviamo oggi ad affrontare nei nostri comuni, sia l’ultimo delle questioni in questo momento”.