Ai domiciliari per furto, scappa dalla Polizia. Inseguito, viene arrestato

Tempo di lettura: 2 minuti

L’uomo era stato posto agli arresti domiciliari lo scorso 10 agosto ma è stato trovato in città dalla Polizia

Fuggito ad un inseguimento è rientrato a casa, trovando gli agenti della Squadra Volanti. E’ stato arrestato per evasione e resistenza a pubblico ufficiale

 

LECCO – Nella notte appena trascorsa, personale della Polizia di Stato di Lecco – Squadra Volanti, ha tratto in arresto un uomo per i reati di evasione e resistenza a pubblico ufficiale.

Dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Lecco l’uomo risultava indagato per numerosi furti con scasso commessi al termine del periodo di lockdown in Lecco e in alcuni comuni della Brianza. Nella giornata del 10 agosto era stato posto agli arresti domiciliari, in virtù del provvedimento emesso dal G.I.P. del Tribunale di Lecco.

Poco dopo la mezzanotte, gli Agenti delle Volanti, durante un servizio di controllo del territorio, hanno individuato in Largo Caleotto l’uomo a bordo della sua auto, iniziando un inseguimento terminato con la fuga del soggetto. Mentre alcuni equipaggi ricercavano il giovane sul territorio, un altro equipaggio si è portato a casa dello stesso, attendendo il suo rientro.

Il ricercato, consapevole della possibilità che gli Agenti potessero attendere il suo ritorno all’esterno dell’abitazione, aveva però parcheggiato l’auto a notevole distanza e, una volta scavalcato un cancello ed un muro di cinta, si era arrampicato sulla parete esterna del palazzo, a circa 10 metri di altezza dal suolo, fino a raggiungere il davanzale della finestra del bagno di un suo vicino di casa che, vedendo l’uomo in pericolo, lo ha aiutato ad entrare.

Una volta fatto rientro nella propria abitazione l’uomo ha però trovato ad aspettarlo i poliziotti che lo hanno arrestato per i reati di evasione e resistenza a pubblico ufficiale.

Nella giornata di oggi, l’arresto è stato convalidato ed il Tribunale di Lecco ha disposto l’applicazione della custodia cautelare in carcere quale aggravamento della precedente misura. L’uomo è stato condotto presso la Casa Circondariale di Lecco.